Non rispetta la fila per un malinteso: pestato all'uscita del ristorante da due energumeni

In soccorso del 29enne è intervenuto qualcuno che è riuscito ad allontanare i due energumeni

Aggredito in un ristorante del centro di Forlì solo per il fatto che non avrebbe rispettato la precedenza nel pagamento del conto alla cassa. Vittima dell'episodio, avvenuto sabato scorso, un forlivese di 29 anni. Secondo quanto ricostruito dagli agenti della Volante della Questura di Corso Garibaldi, il giovane non avrebbe agito per maleducazione ma a causa di un malinteso con la direzione. Ma per l’aggressore evidentemente questo è bastato per attaccare briga.

Così, roprio sull’uscio, ha iniziato a inveire contro il ragazzo, dandogli delle spinte e poi dei pugni, fino a farlo cadere a terra, dove è stato raggiunto e colpito anche da un amico dell’aggressore. In soccorso del 29enne è intervenuto qualcuno che è riuscito ad allontanare i due energumeni. Sul fatto sta indagando la Polizia, dopo che la vittima si è presentata in Questura per sporgere querela, avendo riportato lesioni refertate al Pronto Soccorso con una prognosi di dieci giorni. Gli autori del barbaro gesto sarebbero già stati identificati, anche attraverso una analisi dei profili pubblici presenti in noti social network.
 

Potrebbe interessarti

  • Sembrano sani, ma non è vero: ecco svelati 7 alimenti da evitare per la dieta

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

  • La vedova di Bovolenta rivela: "Ho ritrovato l’amore. La vita regala sorprese bellissime"

  • Investimento mortale sulla linea Adriatica: ritardi fino a 3 ore e nove treni cancellati

  • Trema la terra: doppia scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

Torna su
ForlìToday è in caricamento