menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piano aeroporti, Di Maio: "Scorrettezza a bando aperto"

Un colpo basso del governo uscente, guidato dal candidato premier Mario Monti. Così Marco Di Maio, candidato del Pd alla Camera dei Deputati, giudica il piano degli aeroporti

Un colpo basso del governo uscente, guidato dal candidato premier Mario Monti. Così Marco Di Maio, candidato del Pd alla Camera dei Deputati, giudica il piano degli aeroporti varato dal ministro Corrado Passera, che esclude Forlì da quelli strategici e salva in extremis Rimini inserendola tra i 31 scali su cui investire a livello nazionale. Dice Di Maio: “Scorrettezza del Governo Monti, così rischia di condizionare il bando”

Spiega il candidato democratico: “Il Piano del governo per il riordino degli aeroporti italiani è un atto che si attendeva da tempo, ma non può essere condivisibile. Sia per il metodo che per i suoi contenuti. In primo luogo perchè il presidente del consiglio, Mario Monti, è al termine del suo mandato e depositare una proposta così importante essendo in 'scadenza' non è opportuno. In secondo luogo per Forlì si tratta di un atto al quale non si può rimanere indifferenti. Intanto perchè classifica il nostro scalo come di interesse regionale (evidentemente senza conoscerlo vista la qualità della struttura e gli investimenti fatti negli anni, neppure paragonabili a quelli di altri scali che invece sono classificati come 'nazionali')”.

Quindi il capitolo del bando ancora aperto: “Fatto ancora più grave è che questo piano, per quanto si tratti solo di una proposta e non sia definitivo, esce nel bel mezzo dello svolgimento di un bando per la privatizzazione del "Ridolfi" che rischia notevolmente di essere falcidiato da questo documento del governo che ne decreta la declassificazione. Insomma, se c'erano investitori interessati a partecipare al bando chiaramente con questo atto del governo Monti l'interesse rischia davvero di venire meno. Non vogliamo trarre giudizi affrettati di carattere giuridico, ma viene da interrogarsi sulla sua opportunità, visto che condiziona pesantemente lo svolgimento della gara. E di conseguenza anche le prospettive di chi lavora all'interno del 'Ridolfi', nonchè gli investimenti fatti, i soldi spesi per effettuare la gara e tutto il resto che ne consegue”.

“Ci auguriamo che il Governo Monti possa chiarire quanto prima la posizione di Forlì, specificando che il piano non riguarda gli aeroporti che hanno gare in corso o con altre forme e rendendo così ancora utile la gara che è in corso; viceversa le conseguenze rischiano di essere irrecuperabili successivamente”, conclude Marco Di Maio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento