Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Viabilità, il Comune avvia il censimento sulle barriere architettoniche: partono indagini e questionario

I cittadini in condizione di fragilità rappresentano già il 20% circa della popolazione

Entrano nella fase operativa le attività relative alla predisposizione del Peba, il Piano per Eliminazione delle Barriere Architettoniche del Comune di Forlì, con l'avvio delle indagini conoscitive dei bisogni e delle criticità. Da alcune settimane è già stata avviata la fase di rilevazione sul campo: tecnici specializzati stanno effettuando un rilievo della viabilità pedonale dei percorsi urbani oggetto di studio ed il censimento puntuale delle barriere architettoniche presenti. "L'accessibilità, ossia la fruizione agevole, in condizioni di adeguata sicurezza ed autonomia, dei luoghi chiusi e aperti, dei servizi e delle attrezzature della città anche da parte delle persone in condizioni di svantaggio per ridotte o impedite capacità motorie o sensoriali, rappresenta un requisito imprescindibile per una città vivibile, sicura ed ospitale", viene illustrato dall'amministrazione comunale.

"Garantire la massima accessibilità agli spazi e ai luoghi della città di Forlì ai cittadini in condizioni di fragilità, e non solo, è un obiettivo complesso e non perseguibile in tempi brevi, per questo è importante dotarsi di uno strumento organico come il Peba per affrontare il tema attraverso una visione di sistema mediante una programmazione graduale di interventi sul territorio e di azioni culturali, formative e progettuali, definendo priorità e fonti di finanziamento - prosegue l'amministrazione comunale -. Per lo sviluppo e la buona riuscita del Piano, l'approccio partecipativo rappresenta elemento imprescindibile, pertanto è importante il coinvolgimento dei potenziali beneficiari fin dalla sua ideazione".

A tale scopo è stato predisposto un questionario quale strumento fondamentale per conoscere i bisogni, gli stili, le abitudini e i desiderata delle persone più fragili: i risultati del questionario saranno la base conoscitiva di partenza per predisporre la pianificazione e programmazione di iniziative finalizzate all'eliminazione delle barriere e al miglioramento del comfort ambientale e della sicurezza, sia in ambito urbano che edilizio. I cittadini in condizione di fragilità (per disabilità fisica, deficit visivo o uditivo, per condizioni di età, anziani, bambini, per condizioni di incidentalità o malattia, cardiopatia, artrosi e obesità) rappresentano già il 20% circa della popolazione, e il dato è destinato a crescere, e senza contare l'intorno relazionale che ruota attorno ad essi e, in funzione di essi, vive e modifica le proprie esigenze e i propri bisogni. Comprendere la diversità è una risorsa per tutti ed il confronto accresce in ognuno la conoscenza dell'altro.

L'amministrazione comunale "invita tutti coloro che, a diverso titolo e per loro esperienza personale di vita, ritengono di poter dare un contributo all'iniziativa intrapresa a cogliere questa opportunità di partecipazione personale e diretta fornendo il proprio prezioso apporto. Il questionario sarà disponibile per la compilazione, in forma totalmente anonima, dal primo maggio al 31 maggio, in modalità online cliccando sul link presente sul sito istituzionale del Comune di Forlì e sulla homepage del sito di Fmi www.fmi.fc.it, o anche in forma cartacea presso lo sportello di Forlì Mobilità Integrata in Via Lombardini 2 e nello Sportello URP del Comune in Piazza Saffi 8, ingresso Municipio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viabilità, il Comune avvia il censimento sulle barriere architettoniche: partono indagini e questionario

ForlìToday è in caricamento