menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Partono i lavori per il nuovo quartiere: supermercato su viale Roma, rotonda di via Cerchia, case e "bosco urbano"

Sono imminenti i lavori per realizzare una nuova urbanizzazione piuttosto vasta (sono oltre 77mila metri quadri) in viale Roma, nella grande area attualmente a campo agricolo di fronte alla caserma 'De Gennaro'

Sono imminenti i lavori per realizzare una nuova urbanizzazione piuttosto vasta (sono oltre 77mila metri quadri) in viale Roma, nella grande area attualmente a campo agricolo di fronte alla caserma 'De Gennaro' e dietro la caserma dei carabinieri del Ronco. Nell'area sorgeranno a breve un supermercato e una nuova zona residenziale, costituita principalmente da villette monofamiliari e bifamiliari, il tutto costeggiato da un lato da una grande area verde di quasi 4 ettari, circa la metà del comparto totale, che sorgerà sul lato della tangenziale. Non sarà un nuovo parco, ma piuttosto una dei primi esempi di “forestazione urbana” in città, per creare un cuscinetto verde tra la tangenziale e il nuovo quartiere.

L'intervento urbanistico viene definito “di ricucitura” perché di fatto finisce per saldare la città di Forlì e la sua frazione del Ronco, togliendo anche gli ultimi metri di discontinuità dell'abitato. All'interno del piano urbanistico c'è anche la tanto sospirata rotonda tra viale Roma, via Cerchia e via Monari, teatro di diversi incidenti in passato. A realizzarla sarà il privato titolare del permesso di costruire, dovendo però applicare criteri di bando pubblico per selezionare l'impresa costruttrice.

 La prima pratica per quest'urbanizzazione risale a quasi 10 anni fa, nel 2011, per essere approvata in consiglio comunale nel 2014. Poi nel 2017 è stata proposta una variante, riaprendo un iter che si è concluso nel 2018 in Consiglio e con la stipula della convenzione col privato il 6 settembre 2019 ed infine la concessione del permesso di costruire il 16 novembre 2019. E giunto quindi il tempo dei lavori, dopo che le osservazioni dei cittadini sono state esaminate nel 2013 e nel 2017, essendone arrivate due che sono state accolte. 

Una delle osservazioni è del comitato di quartiere che ha chiesto e ottenuto, ancora nel 2013, di impedire la svolta a sinistra nell'immissione e nell'uscita dal supermercato da 1.330 metri quadri che sorgerà in viale Roma, con accesso dallo stesso viale, a fianco della caserma dei carabinieri. Il traffico collegato al nuovo punto vendita dovrà invece avvalersi delle due rotonde che ci saranno, una all'intersezione con via Cerchia e l'altra quella esistente con lo svincolo della tangenziale. Oltre al supermercato sono previsti 34 lotti residenziali per una superficie di 1.856 metri quadri, che potrebbero sviluppare 40-50 alloggi. Le strade a fondo cieco, traverse di via Cerchia, saranno raccordate fino a via Verzocchi dal prolungamento di via Acquadeni che connetterà quindi la nuova area alla nuova parrocchia di San Giuseppe Artigiano e viale Spazzoli.  Circa metà dell'area, come detto, diventerà comunale e adibita a bosco urbano, un'area verde non tanto dedicata al verde attrezzato, ma a forestazione.

La protesta

A esprimere timore per l'intervento sono alcuni residenti di via Verzocchi: “Appare inconcepibile la scelta di costruire l’ennesimo supermercato nella zona est di Forlì (quartieri Bussecchio e Ronco), dove nel breve spazio di un chilometro sono già presenti il Conad Aeroporto, i due Family Market (ex AEO) di via Seganti e via Casadei, il Conad  City Spazzoli per non parlare poi dei locali lasciati liberi in autunno dal Simply Market presso la chiesa di S. Giuseppe Artigiano, esattamente a meno di 200 metri dal nuovo centro commerciale in costruzione. A risentirne saranno i residenti della via Verzocchi, che vedranno lo sfondamento della loro strada per effettuare il collegamento con la via proveniente dalla chiesa S. Giuseppe Artigiano e il viale Roma, con effetti facilmente immaginabili sul conseguente traffico”.

Ed ancora: “Ci preoccupa il previsto abbattimento dei 4 platani che con la loro chioma trentennale, alte quanto i due prospicenti condomini, rappresentano un polmone verde nonché una barriera visiva contro la scellerata ennesima cementificazione. Tutti i residenti sono in agitazione ed è già stata presentata una petizione confidando nella sensibilità dell’amministrazione comunale per bloccare l’abbattimento dei platani”.

platani via verzocchi-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento