Picchiato in un locale del centro: la Polizia ricostruisce i fatti e trova gli aggressori

Ai tre viene contestato il reato di "lesioni personali", aggravate dai futili motivi e dalla partecipazione di più persone

La Polizia di Stato ha denunciato tre giovani forlivesi, due ventenni ed un diciottenne, per una aggressione avvenuta qualche giorno fa all’interno di un locale pubblico in centro e frequentato da ragazzi. Ai tre viene contestato il reato di "lesioni personali", aggravate dai futili motivi e dalla partecipazione di più persone.
Secondo quanto ricostruito dagli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura, diretto dal commissario Stefano Santandrea, sembra che a monte della discussione vi fosse la compravendita di un telefono di provenienza illecita, in relazione alla quale la vittima ed uno degli aggressori avrebbero in qualche modo avuto un ruolo.

La discussione è poi trascesa e l’aggressore, spalleggiato da due amici, è passato alle vie di fatto contro il rivale. Sul posto è sopraggiunta una Volante della Polizia di Stato, ma ormai la rissa era terminata e i tre aggressori erano fuggiti. L’aggredito, anche lui ventenne, è stato medicato al pronto soccorso e giudicato guaribile in sette giorni. La Polizia, oltre ad acquisire le testimonianze utili all’identificazione dei tre, hanno anche ricostruito parzialmente l’episodio acquisendo alcune immagini dell’impianto di videosorveglianza del locale pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento