Polemica sul monumento ai caduti, l'assessore: "Solo una pulizia". L'opposizione: "Non avvisata la Soprintendenza"

Prima della festa del 2 Giugno, che quest'anno si è tenuto in piazzale della Vittoria è stato eseguito un intervento di tre giorni al monumento dei Caduti. Solo una pulizia oppure un maldestro restauro senza autorizzazioni?

Prima della festa del 2 Giugno, che quest'anno si è tenuto in piazzale della Vittoria è stato eseguito un intervento di tre giorni al monumento dei Caduti. Solo una pulizia oppure un maldestro restauro senza autorizzazioni?  Il tema ha diviso in Consiglio comunale di lunedì pomeriggio, con un question time di Matteo Zattoni (Pd) e Federico Morgagni (Forlì e Co). 

Diverse le campane di amministrazione e opposizione. Per l'assessore al Patrimonio Vittorio Cicognani l'intervento è stato effettuato in tempi celeri, visto la scadenza in arrivo e “dopo accordi tra prefetto, sindaco e forze dell'ordine, al fine di garantire un  minimo decoro dell'area della festa”. Costa è stato fatto? Per Cicognani: “Una pulizia minimale delle parti a terra, la rimozione delle polveri depositatesi con le smog, la rimozione dei depositi superficiali delle vasche della fontana e un intervento per l'ossidazione del pennone porta-bandiera”. In tutto, sempre Cicognani “ con lavaggi ad acqua senza additivi e con l'uso di spazzole morbide, nonché con la rimozione manuale della vegetazione, nessuna azione invasiva alla materia e nessun intervento sugli altorilievi di Boifava”. Per l'intervento, sempre l'assessore,  “dato i tempi stretti non è stato possibile informare la Soprintendenza, e la pulizia è avvenuta sotto il controllo dei tecnici del Comune”.

Secca la replica di Zattoni e Morgagni. Così il consigliere Pd: “Siamo sorpresi dalla mancata comunicazione alla Soprintendenza, non mi risulta che si possa ovviare per motivi di urgenza, ci riserviamo di capire che pulizia è stata fatta con l'accesso agli atti, anche perché non ci risulta che non siano stato toccati gli altorilievi di Boifava”. Aggiunge Morgagni: “Segnaleremo l'intervento alla Soprintendenza chiedendo di valutare se si sono rispettate le norme”. E conclude: “Mi preoccupa l'incuria dell'intervento e temo che ci siano stati dei danni, perché parliamo di materiali delicati che avevano bisogno di rilievi preliminari prima dell'intervento, come fatto con Icaro in passato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento