Oltre alla valigia aveva mille euro: "Vado in Svizzera". Arzillo "nonnino" fermato alla stazione

Un arzillo novantenne è stato trovato dal capotreno in stato confusionale a bordo del treno regionale 6464, diretto a Castelbolognese, affidandolo poi agli agenti della Polizia Ferroviaria di Forlì

Aveva un trolley e circa mille euro in tasca. Voleva raggiungere la Svizzera, dove, a suo dire, era atteso da amici. Un arzillo novantenne è stato trovato dal capotreno in stato confusionale a bordo del treno regionale 6464, diretto a Castelbolognese, affidandolo poi agli agenti della Polizia Ferroviaria di Forlì. Negli uffici della Polfer della stazione della città mercuriale l'uomo ha mostrato il suo passaporto non in regola, il bagaglio contenente indumenti e oggetti personali e cibo per il viaggio. L'anziano, in gran forma fisica, ha poi tirato fuori dalle tasche numerose banconote, per un totale di circa mille euro, riferendo di volersi recare in Svizzera dove era atteso da amici. Il suo racconto era confuso e non attendibile. Pertanto sono stati avvisati i familiari che poco dopo sono giunti in stazione e hanno riportato l’anziano a casa. Questo è uno dei tanti interventi effettuati dalla Polizia Ferroviaria a favore delle fasce più deboli che spesso frequentano le stazioni ferroviarie.

Potrebbe interessarti

  • Top Hairstylist in città: scopri a chi affidare il tuo prossimo cambio di stile

  • Cattivi odori addio: ecco come pulire i bidoni della spazzatura

  • Nausea e cerchi alla testa? 5 rimedi per far passare prima la sbornia

I più letti della settimana

  • Giovane harleysta morto sulla Cervese, la fidanzata in prognosi riservata. C'è un testimone della sciagura

  • Va alla scoperta delle bellezze rurali, un infarto lo uccide: la vittima è un volto noto di Forlì

  • Tragico incidente all'alba: quattro morti, tra loro due fratelli minori

  • Tragedia nella notte: si schianta contro un albero, muore una 26enne

  • Ancora sangue sulle strade: sciagura in serata, muore un 28enne forlivese

  • Dramma sulla Cervese, incredulità e dolore: gli amici ricordano il "gigante buono"

Torna su
ForlìToday è in caricamento