rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Rocca San Casciano

PolStrada Rocca, presidio 'salvo': sarà nella sede dei Vigili del Fuoco

Spazio libero per gli agenti della Polstrada, ma garanzie sul mantenimento del distaccamento solo il riordino dei presidi di sicurezza potrà dare

Il distaccamento della polizia stradale di Rocca San Casciano per il momento è salvo: entro l'estate i vigili del fuoco potranno trasferirsi nella nuova sede così da far posto agli agenti, e con il riordino delle forze di polizia "la qualità di sicurezza non ne verrà a soffrire". Queste le garanzie del governo annunciate venerdì mattina alla Camera in risposta all'interpellanza urgente presentata dal deputato forlivese di Scelta Civica, Bruno Molea, sul mantenimento del presidio di Polizia stradale a Rocca San Casciano.

"La scelta di chiudere il distaccamento - ha ricordato l'onorevole Molea - è una grave mortificazione dei territori dell'intera vallata, gratuita e incomprensibile, vista la disponibilità che l'Amministrazione ha fornito alla prefettura mettendo a disposizione per le esigenze del presidio i locali dell'attuale caserma dei vigili del fuoco, accollandosi i relativi oneri di ristrutturazione". In questo contesto, è fondamentale che entro breve ai vigili del fuoco venga data la nuova sede, attualmente in costruzione.

"L'amministrazione comunale si è resa disponibile a concordare un progetto di salvaguardia del distaccamento che prevede un rapporto contrattuale relativo agli immobili assegnati con locazione a canone agevolato o in comodato. L'ultimazione della costruzione della nuova sede del vigili del fuoco - ha annunciato il sottosegretario dell'Interno Domenico Manzione - è prevista per la fine del prossimo mese di marzo. Subito dopo inizieranno le operazioni di presa in consegna dell'immobile: si presume che entro l'estate i vigili del fuoco si trasferiranno nella nuova sede".

Dunque, spazio libero per gli agenti della Polstrada, ma garanzie sul mantenimento del distaccamento solo il riordino dei presidi di sicurezza potrà dare. "I contenuti di tale provvedimento saranno dettati dall'efficientamento organizzativo, senza che ne venga a soffrire la qualità della sicurezza - ha assicurato il sottosegretario Manzione -. L'iter di approvazione del decreto legislativo sulla razionalizzazione delle funzioni di polizia è già avviato. Il 20 gennaio scorso, il consiglio dei ministri ha approvato il provvedimento in via preliminare e ora sarà inviato alle commissioni". L'appello dell'onorevole Molea, vice capogruppo alla Camera di Scelta Civica, è che "a completamento del piano di riordino, venga tenuta nella dovuta considerazione la valenza strategica del distaccamento della Polizia stradale di Rocca San Casciano".  

"La risposta del Governo ad una delle interrogazioni che sono state presentate, conferma la bontà del lavoro svolto fin qui per scongiurare la chiusura del presidio di Rocca San Casciano e rappresenta una notizia positiva", affermano il sindaco di Rocca San Casciano, Rosaria Tassinari, e il deputato Marco Di Maio. "Oltre alla mobilitazione sul piano locale (sempre supportata dall'impegno dei sindacati a partire dal Siulp di Forlì-Cesena) nei confronti della prefettura, della questura e di tutte le amministrazioni locali - spiegano il sindaco e il parlamentare -, abbiamo immediatamente ottenuto in incontro al Ministero dell'Interno a Roma con il sottosegretario Gianpiero Bocci. In quella sede abbiamo concordato una serie di passi da compiere, da un lato sul piano nazionale e dall'altro su quello locale".
 
"Sul fronte locale di grande importanza, tra le tante attività svolte, sono state la presa di posizione unanime del Comitato per l'ordine pubblico e la sicurezza (con conseguente lettera di parere negativo all'ipotesi di chiusura del presidio di Rocca da parte del prefetto al Ministero) e la delibera del Comune di Rocca San Casciano - aggiungono Tassinari e Di Maio -. Delibera che mette a disposizione l'attuale sede in cui sono ospitati i Vigili del fuoco per poterla riutilizzare non appena sarà liberata per effetto del loro trasferimento in un nuovo edificio". Proprio sulla nuova sede dei vigili del fuoco è stato ed è determinante l'impegno del ministero e in particolare del sottosegretario Bocci.

"Occorre ringraziare il sottosegretario Bocci - spiegano - che su nostra sollecitazione si è subito attivato per accelerare il completamento dei lavori di realizzazione della nuova stazione dei pompieri. Un'accelerazione che ha portato anche ad un sopralluogo dei funzionari del ministero avvenuto nei giorni scorsi e che ha consentito di giungere ad un accordo con l'azienda realizzatrice dell'opera per completare i lavori in tempi brevi". "Grazie a questi passi concordati e svolti in piena sinergia con Bocci e la sua segreteria - concludono - si è nelle condizioni di poter dire che a breve il presidio di polizia di Rocca San Casciano nel breve periodo non chiuderà e di lavorare per far sì che si individui una soluzione strutturale e duratura nel tempo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PolStrada Rocca, presidio 'salvo': sarà nella sede dei Vigili del Fuoco

ForlìToday è in caricamento