rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Cronaca

Porta a porta, la petizione sui rifiuti arriverà in Comune con 2.500 firme

La petizione condivide la finalità e l'importanza della raccolta differenziata, tuttavia contesta alcune scelte organizzative fatte dalla nuova società pubblica

La Forlì che chiede modifiche alla raccolta differenziata targata Alea si conta e presenta la petizione. Le firme raccolte sono state in totale 2500, come emerge da un conteggio effettuato dagli organizzatori dopo aver ritirato i moduli che sono stati diddusi in diversi esercizi commerciali della città. Le firme sono state quindi preparate e "impacchettate" con il testo ufficiale della petizione e saranno consegnate all'Amministrazione Comunale. A ritirarle sarà l'assessore all'Ambiente William Sanzani, mercoledì mattina in municipio.

La petizione condivide la finalità e l'importanza della raccolta differenziata, tuttavia contesta alcune scelte organizzative fatte dalla nuova società pubblica che sostituisce Hera e è stata incaricata di modificare il sistema di raccolta dei rifiuti. La petizione verte su 7 punti. In essa si chiede più ritiri settimanali di tutti i generi di scarti, mentre per quelli per i quali non è prevista la raccolta domiciliare (pannolini, pannoloni, sfalci e oli esausti) si richiedono dei contenitori stradali su suolo pubblico. Altra richiesta è l'ampliamento degli orari dell'isola ecologica, dando la possibilità di conferire ogni tipo di rifiuto. La petizione pone un 'no' a sanzioni pecuniarie in caso di errori e chiede informazioni certe sulla responsabilità legale dei danni arrecati a terzi durante l'occupazione di suolo pubblico con i contenitori in comodato d'uso. Si richiede inoltre di rivedere le tariffe del ritiro dei rifiuti ingombranti.

In generale, nella petizione è pure chiesta la revisione della scelta di consegnare grossi contenitori da 120 letri anche a singole utenze private per l'indifferenziato, creando grande ingombro nelle abitazioni e rifiuti che stazionano per troppo tempo nelle aree private prima della raccolta. Infine si chiede l'istituzione di una tariffa che tenga conto delle maggiori incombenze a carico della cittadinanza e si contesta il calcolo dei circa 15 euro che ogni utente dovrà pagare per lo svuotamento del bidone del 'secco'.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porta a porta, la petizione sui rifiuti arriverà in Comune con 2.500 firme

ForlìToday è in caricamento