menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prende forma il nuovo assetto dei parroci annunciato dal vescovo: tutte le novità

Don Enrico Casadio, parroco di S. Mercuriale e S. Lucia, entrerà a San Biagio come amministratore parrocchiale sabato 12 settembre, alle 18.00

Nella Diocesi di Forlì-Bertinoro prende forma il nuovo assetto dei parroci, annunciato nel giugno scorso dal vescovo mons. Livio Corazza. Se don Emanuele Lorusso, sceso da Bertinoro, è già entrato a San Benedetto Abate come amministratore parrocchiale, in sostituzione di don Giancarlo Barucci scomparso il 23 agosto scorso, il primo movimento fra quelli concordati riguarda il Centro Storico: don Enrico Casadio, titolare dal 2011 dell’unità San Mercuriale e Santa Lucia, inizierà ufficialmente il ministero come amministratore parrocchiale sabato 12 settembre alle 18 a San Biagio e lunedì 14 settembre alle 10 in Cattedrale, proprio nel giorno della festa dell’Esaltazione della Croce, a cui è dedicata la chiesa madre dei forlivesi, ma anche nel primo anniversario della beatificazione di Benedetta Bianchi Porro.

Don Massimo Tumini, assegnato a Premilcuore in sostituzione di don Davide Bruschini, prenderà ufficialmente possesso della pieve parrocchiale cinquecentesca dedicata a San Martino di Tours, domenica 20 settembre, alle 16. Don Bruschini a sua volta entrerà a Bertinoro, Massa, Lizzano e San Donato in Polenta domenica 11 ottobre. La S. Messa del  suo esordio come nuovo pastore d’anime del Colle di Romagna, è in programma alle 16 nella Concattedrale di Piazza della Libertà. Sempre l’11 ottobre, alle 17.30, alla pieve di San Pietro in Trento dedicata all’apostolo Pietro, sarà festa grande per don Fabio Castagnoli, nominato a San Pietro in Trento, Coccolia, Filetto e Durazzanino. Don Massimo Bonetti, nuovo parroco di Predappio, Predappio Alta, San Cassiano, San Savino, Fiumana e Sant’Agostino, nonché amministratore parrocchiale di Montemaggiore e Santa Lucia in Bussano, in sostituzione di don Urbano Tedaldi tutt’ora in attesa di nomina, farà l’ingresso ufficiale domenica 18 ottobre, alle 17, a Predappio e sabato 7 novembre, alle 17, a Fiumana.

Domenica 25 ottobre sarà la volta di don Pawel Szymusiak, nuovo parroco di Civitella, Galeata, Cusercoli, Voltre, Nespoli, Pianetto e Sant’Ellero, che inizierà il suo ministero alle 10 nella chiesa di S. Maria in Borgo a Civitella. Per quanto riguarda Forlì città, se il 25 ottobre, alle 17, a San Paolo Apostolo, in via Pistocchi, entrerà don Carlo Guardigli (cui è stata affidata anche la comunità dei Cappuccinini), sabato 31 ottobre, alle 17, esordirà nella nuova veste di parroco di San Giuseppe Artigiano don Germano Pagliarani. Domenica 22 novembre, alle 15, sarà la volta di don Gabriele Pirini prendere possesso della Madonna del Lago, il santuario mariano posto ai piedi del Colle di Bertinoro, rimasto senza guida dopo la morte di don Elvezio Pagliacci, occorsa l’11 ottobre scorso. Resta da citare don Paolo Giuliani: cancelliere vescovile e rettore della chiesa del Suffragio in corso della Repubblica a Forlì, il sacerdote è di fatto il nuovo amministratore parrocchiale di Roncalceci, in sostituzione di don Ugo Salvatori, improvvisamente scomparso il 15 agosto scorso.

Ma l’appunto finale va alla comunità forlivese di San Biagio: l’ingresso di don Enrico Casadio in programma il 12 settembre, sancirà l’uscita di scena dei Salesiani dallo scenario parrocchiale forlivese. Gli emuli di San Giovanni Bosco, giunti in città il 7 ottobre 1942, in pieno conflitto mondiale, su preciso invito del vescovo monsignor Giuseppe Rolla, rimarranno in loco per gestire il grande investimento educativo caratterizzato dall’Oratorio don Bosco, dalla Sala multimediale San Luigi e dal Convitto studentesco Orselli, oltre al centro di formazione professionale Cnos-Fap.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento