menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Preoccupazione in via Cangini: "Col terzo lotto della tangenziale sarà spostata la strada"

Il progetto della nuovo lotto della Tangenziale (il tratto tra San Martino in Strada e l'ospedale) renderà più difficile la fruibilità di via Fratelli Cangini

Il progetto della nuovo lotto della Tangenziale (il tratto tra San Martino in Strada e l'ospedale) renderà più difficile la fruibilità di via Fratelli Cangini, con una bretella che prevede il restringimento della carreggiata e, temono i residenti, lo spostamento delle corse della linee di trasporto pubblico 5 e 5A. A portare all'attenzione del Consiglio comunale i timori del quartiere e dei residenti è il consigliere  di Italia Viva Massimo Marchi (Gruppo Misto), nel corso del consiglio comunale di mercoledì pomeriggio.

La risposta viene dall'assessore alla Mobilità Giuseppe Petetta, che conferma che, nella stesura del progetto definitivo, l'Anas “rispetto allo studio di fattibilità sta studiando alcuni punti di variante, tra cui quello in via Cangini”. Spiega Petetta: “Il progetto prevede il restringimento della carreggiata con la realizzazione di una bretella che interferisce su una possibile urbanizzazione prevista da piano regolatore”. Questo porterebbe all'accorciamento della galleria prevista in quel punto di un centinaio di metri, e relativi risparmi. “Dovendo procedere con gli espropri è stata data comunicazione formale il 16 ottobre a tutti gli interessati delle aree, aspettiamo il 16 dicembre quando scadranno i termini delle osservazioni e valuteremo tutto in quella fase”. Marchi si è detto preoccupato “in quanto si va modificare l'assetto di via Cangini con difficoltà di passaggio degli autobus”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Forlì usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento