rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca

"Prepariamoci a vivere tempi ancor più duri di quelli appena passati"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

"Per gli economisti è la stagflazione (una miscela velenosa di inflazione e crescita bassa o nulla del Pil), per tutti gli altri mortali è l’aumento dei prezzi (in particolare di quelli al consumo) e la diminuzione dei posti di lavoro, cioè, se vogliamo dirla in altro modo: meno potere di acquisto dei salari e più povertà. È questo il nostro futuro prossimo. Certo, meno peggio delle bombe che piovono sulle città ucraine, dove gli innocenti continuano a morire ogni giorno.

Anche se la guerra dovesse cessare domani, il costo economico che ci apprestiamo a pagare è già altissimo. Basta rileggere quanto detto dal premier Draghi alla Camera durante il question time, lo scorso 9 marzo. Denunciando, tra l’altro, la miopia dei precedenti governi: «Abbiamo aumentato la dipendenza dalla Russia persino subito dopo l’invasione della Crimea, errore di politica estera ed energetica». Di fatto, il nostro paese, come segnalano molti analisti, è entrato in una fase in cui dovrà misurarsi con la realtà di un’“economia di guerra”, che per tradizione a bilancio porta oltre che imponenti perdite umane e distruzioni materiali, un elevato debito pubblico e un’inflazione che si faticherà a riportare sotto controllo. 

Non ci siamo ancora lasciati alle spalle la pandemia da Covid e le sue conseguenze ed eccoci la guerra in casa (l’Ucraina è Europa) e le sue conseguenze. Eravamo ancora intenti a progettare l’utilizzo dei fondi del Pnrr  ed eccoci proiettati nell’anticamera di una possibile Terza guerra mondiale. La senatrice a vita Liliana Segre per descrivere il suo sconcerto e la sua angoscia per quanto sta accadendo al nostro presente e al nostro mondo, ha fatto riferimento ai biblici quattro cavalieri dell’Apocalisse che precedono il giudizio universale: carestia, morte, pestilenza e guerra. Come dargli torto, se ci guardiamo intorno?

Sia chiaro, la speranza non è morta. È sopravvissuta a due Guerre mondiali e alla strage di milioni di uomini. L’umanità si è rialzata ed è ripartita, lasciandosi alle spalle rancori e vendette. Con qualche tragica eccezione, almeno in Europa e almeno sino ad oggi. Il guaio è che ci siamo lasciati alle spalle anche tanti “mai più”. Promesse di pace svanite nel vento. Nessuno sa sino a dove vorrà spingersi Vladimir Putin, né sappiamo se l’“opzione atomica” è realmente nella sua agenda di guerra. Prima che lo zar si fermi o che il resto del mondo lo fermi, prepariamoci a vivere tempi ancor più duri di quelli appena passati. Questa volta non basterà una mascherina a tenere lontano il peggio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Prepariamoci a vivere tempi ancor più duri di quelli appena passati"

ForlìToday è in caricamento