Agricoltura

"Prezzi alle stelle, agricoltori più poveri" anche Cia Romagna a Roma per la mobilitazione

Ci saranno anche gli agricoltori cesenati associati a Cia Romagna giovedì a Roma per la mobilitazione nazionale indetta da Cia-Agricoltori italiani per rivendicare la centralità dell’impresa agricola e del suo reddito

Ci saranno anche gli agricoltori cesenati associati a Cia Romagna giovedì a Roma per la mobilitazione nazionale indetta da Cia-Agricoltori italiani per rivendicare la centralità dell’impresa agricola e del suo reddito. “Prezzi alle stelle, agricoltori più poveri” è lo slogan della manifestazione che si terrà in piazza Santi Apostoli. Saranno circa 120 gli agricoltori romagnoli insieme ai colleghi produttori provenienti da tutta Italia, per sensibilizzare l’opinione pubblica affinché venga tutelato il futuro delle imprese agricole di fronte alle grandi emergenze e alle sfide globali che toccano il settore primario e il Paese intero. 

"Particolare attenzione - sottolinea Cia Romagna - da parte delle imprese romagnole al declino dell’ortofrutta, che in Emilia-Romagna rappresenta una voce di bilancio importante per tutta la filiera. Il segno negativo riguarda tutte le specie frutticole, con cali nelle superfici impressionanti: nell’arco di 12 mesi (2022- 2023) ci sono flessioni che toccano l’8% nel caso del pero e il 5% nel melo.  Nel caso della coltura della pera, fiore all’occhiello della frutticoltura emiliano-romagnola, siamo passati da 16.000 ettari dello scorso anno a poco più di 14.700. Non sono da meno pesche e nettarine che segnano rispettivamente un meno 6% e – 5% (lasciando ‘sul campo’ più di 300 ettari ciascuna specie), una tendenza preoccupante che dimostra la disaffezione dei frutticoltori a causa delle avversità climatiche, il calo dei prezzi e le crescenti patologie. E' così che susine, albicocche e kiwi perdono posizione e contribuiscono a far scemare un settore che crea un indotto importante, dalle aziende di trasformazione alle imprese che offrono mezzi tecnici e innovativi per la lavorazione e la trasformazione dell’ortofrutta".

"Conseguenza di queste flessioni - viene spiegato - un drastico calo produttivo che quest’anno è stato accentuato dalle avversità meteo, a partire dalle gelate primaverili fino all'alluvione in Romagna: in testa a questa nefasta classifica la produzione di pere, con perdite medie del 70% rispetto al 2022, a cui seguono pesche, nettarine e ciliegie (-60%),  albicocche -35%. Perdono terreno in volumi raccolti anche il Kiwi (-21%) e la susina (-43%) e la mela (-16%).  Riguardo alle ortive ci sono segnali preoccupanti anche per le patate: in un anno flettono del 12% le superfici investite a questo tubero che non arrivano a 4000 ettari. Anche in questo caso clima e soprattutto attacchi da parassiti hanno determinato una riduzione produttiva del 21%. L'abbandono di colture importanti che creano un indotto rilevante in tutta la regione significa non solo rischiare la perdita di un settore strategico per tutto il Paese e mettere a repentaglio una filiera composta da tanti attori, ma anche arrivare a dipendere da importazioni di derrate da altre nazioni che non hanno i nostri parametri qualitativi e sanitari".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Prezzi alle stelle, agricoltori più poveri" anche Cia Romagna a Roma per la mobilitazione
ForlìToday è in caricamento