Colpi di clacson e lampeggianti, la febbre da drive-in contagia Forlì: Imaginaction parte col botto

Un'arena dal sapore antico, rivista in chiave moderna o meglio dire da stadio. E' partita col botto la quarta edizione di Imaginaction

Il parcheggio dell'aeroporto "Luigi Ridolfi" avvolto da un'atmosfera da anni '60. Un'arena dal sapore antico, rivista in chiave moderna o meglio dire da stadio. E' partita col botto giovedì sera la quarta edizione di Imaginaction, il Festival Internazionale del Videoclip che quest'anno ha trovato casa a Forlì e che fino a sabato elettrizzerà la città mercuriale con i big della musica italiana. Una location inedita per la manifestazione realizzata da Daimon Film e fortemente voluta dall'assessore al Turismo, Andrea Cintorino. Grande curiosità aleggiava attorno al drive-da guinness, il più grande del mondo per numero di auto davanti ad unico palcoscenico. E in tanti potranno dire "Io c'ero", conservando il biglietto o scattando un selfie ricordo.

Posti auto non numerati, con la regola del chi prima arriva meglio alloggia. Prima delle 20 le prime quattro file erano già sold-out. Ad esibirsi i primi giovani, gasati a colpi di clacson. Non poteva mancare la storica canzone del musical Grease, "You're the one that i want" a ricordare l'atmosfera del drive-in. Operativi fin dal tardo pomeriggio i food truck: a disposizione menù (dalla piadina all'hamburger, dall'hotdog ai sushi, e gli immancabili popcorn) e relativo numero di telefono da contattare per le ordinazioni. Numero digitato, ordine eseguito ed ecco il personale in sella a bici, pattini a rotelle e monopattitini elettrici a servire i clienti. Ad identificare gli ordini un bigliettino con un numero giallo posto nel tergicristallo posteriore. "Ho consegnato pizze per tanti anni, ma col buio sto facendo un po' fatica", confessa con un gentile sorriso uno degli addetti. C'è chi ha organizzato un picnic, portandosi le sedie da casa, il tutto sotto il controllo di Carabinieri e Polizia. La raccomandazione dal palcoscenico: "Rimanete vicino alla vostra auto e non dimenticate la mascherina". 

"Hanno aperto l'aria condizionata", si ironizza mentre sul sottofondo si balla al ritmo di Bennato, J-Ax e Pinguini Tattici Nucleari, protagonisti delle prossime serate. Dopo la curiosità nel vedere auto anzichè poltroncine davanti al super palcoscenico, illuminate da un imponente gioco di luci, spazio agli artisti, alla musica ed ai videoclip. I 200mila watt si sentono, eccome, anche fino all'ultima fila di auto. Quasi sold out, 300 auto presenti. "Una serata dal duplice significato - ricorda il sindaco Gian Luca Zattini -. Il bentornato al nostro aeroporto e sostenere tutti gli artisti e lavoratori di questo settore duramente colpito dalla pandemia".

"E' il drive più grande d'Italia e di altri paesi extraeuropei - esclama Cintorino -. E un evento che ho fortemente voluto. Dopo l'emergenza sanitaria con il lockdown ed i distanziamenti ci voleva un'idea creativa ed un modo innovativo per poter realizzare una manifestazione di questo tipo con ospiti di fama nazionale ed internazionale. Da qui l'idea del drive-in, un modo di far rivivere quelle emozioni di tanti anni fa".

"È una grande soddisfazione, ma anche una soddisfazione per l’intera città che torna alla ribalta della cronaca culturale italiana per una manifestazione che unisce arte, vivacità e colore, amicizia e entusiasmo - conclude -. Un pezzo della nostra storia che si rinnova e che ritorna in auge per un evento pensato per tutta Forlì, puntando il riflettore anche sull’aeroporto che ripartirà dal primo dicembre prossimo con il volo inaugurale per Monaco di Baviera. Un evento a 360 gradi che è rivolto a tutto il nostro Paese con l’augurio che i prossimi mesi siano segnati dalla capacità di ripresa e dall’ottimismo che hanno sempre caratterizzato le nostre comunità".

Concetto ribadito dall'amministratore delegato di FA Srl, Sandro Gasparrini: il collegamento con Monaco di Baviera "sarà la porta d'ingresso di Forlì per l'Europa, ma presto annunceremo tante altre nuove rotte che si aggiungeranno già dall'inverno". Che la festa abbia inizio. Spazio agli artisti. Spettatori: chi comodamente seduto in auto, col finestrino aperto, anche col sedile recrinato, chi invece all'esterno in piedi a sgranchirsi le gambe. Serata dedicata a Lucio Dalla, con la proiezione in anteprima mondiale del videoclip "Futura". Poi in ordine sono saliti sul palco Pierdavide Carone, Noemi, che ha duettato via Skype con Fabrizio Moro, Marco Masini e Mario Biondi. Anche quest'ultimi regalano un inaspettato duetto. Tra un'esibizione e l'altra il racconto della loro carriera attraverso i videoclip dei brani più famosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • La rabbia del titolare del ristorante: "Lo Stato mi nega il ristoro, io riapro"

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento