Cronaca

A Forlì la specializzazione di osteoncologia: nominato il nuovo primario dell'Ortopedia

Arriva un nuovo primario per il reparto di ortopedia e traumatologia dell'ospedale di Forlì a sostituire Francesco Lijoi, andato in pensione un paio di anni fa

Un nuovo primario per il reparto di ortopedia e traumatologia dell'ospedale di Forlì: a sostituire Francesco Lijoi, andato in pensione un paio di anni fa, è subentrato Roberto Casadei, forlivese di origine, ma bolognese di studi e di formazione medica. Casadei infatti viene da quella che è una struttura internazionalmente riconosciuta come punto di eccellenza per questa branca della medicina, che è il “Rizzoli”. “Si tratta della quarta nuova nomina di un primario a Forlì nel corso di quest'anno, la tredicesima nell'Ausl Romagna. Lo scorso anno i primari assunti sono stati 36 per tutta la Romagna”, spiega Stefano Busetti, direttore sanitario dell'Ausl Romagna.

Con l'arrivo di Casadei a Forlì l'Ausl mira a consolidare la specialità dell'osteoncologia, che presenta numero ristretti come persone colpite e che quindi richiede poli di eccellenza specializzati. D'altra parte il nuovo primario ha questa specializzazione, chiesta appositamente con il concorso per l'assunzione, è stato a lungo collaboratore e consulente sia dell'ospedale di Forlì, sia dell'Irst di Meldola. “In questo modo continuiamo a creare un percorso oncologico in Romagna, in collaborazione con l'Irst, che prevede delle concentrazioni di servizi dove è necessaria una forte specializzazione”, sempre Busetti

Tutto questo senza tralasciare tutto il grosso del lavoro dell'ortopedia e della traumatologia, che a Forlì, per esempio, ha visto ben 347 interventi chirurgici nel 2017, molti dei quali di urgenza, solo per la frattura del collo del femore. “Con l'invecchiamento della popolazione, l'attivismo che ancora si ha nella terza età e l'osteoporosi, aumentano sempre di più i casi di fratture per anziani”, spiega Casadei. Il nuovo primario coordinerà una equipe medica di dieci medici dell'ospedale Morgagni-Pierantoni.

Casadei è professore a contratto alla Scuola di Specializzazione di Ortopedia e Traumatologia di Bologna, ha effettuato più di tremila interventi di ortopedia oncologica ed è autore di 243 pubblicazioni scientifiche nazionali ed internazionali. Dottore di ricerca in oncologia, è socio fondatore della Società Italiana di Osteoncologia ed è stato docente a numerosi corsi internazionali chirurgia oncologica ortopedica. “Sono un forlivese e sono contento di ritornare a casa a lavorare – aggiunge Roberto Casadei – Tutta la mia formazione si è svolta presso l’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna , nell’ambito dell’oncologia ossea, anche se ho costantemente avuto rapporti con gli ospedali romagnoli e, in particolare con l’IRST di Meldola”. “ Anche se la mia esperienza è nelle malattie oncologiche – prosegue – ci tengo a ribadire che l’ortopedia e la traumatologia forlivese continueranno a garantire gli ottimi livelli e le prestazioni fin ad ora assicurate ai cittadini, con casistiche sempre molto elevate e percorsi di qualità, come quello orto -geriatrico. Proprio alla luce di questi risultati positivi, cercherò anche  di coinvolgere, in futuro, i miei validissimi collaboratori  in pubblicazioni scientifiche, nei rispettivi ambiti. Credo molto nella ricerca e da anni collaboro con l’Istituto Tumori di Meldola per progetti e pubblicazioni .”

“Ritornando sempre alle patologie oncologiche – conclude – ci tengo a sottolineare che cercherò di creare collaborazioni sempre più strette con medici di famiglia e servizi ospedalieri, nel settore della prevenzione, aspetto fondamentale, anche in questo settore. Spero infine che l’ospedale di Forlì, in collaborazione con l’Irst di Meldola diventi un centro di riferimento per l’osteoncologia in Romagna”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Forlì la specializzazione di osteoncologia: nominato il nuovo primario dell'Ortopedia

ForlìToday è in caricamento