Domenica, 14 Luglio 2024
Cronaca

Primo consiglio, il sindaco: "Mi spoglio di ogni appartenenza politica per essere il sindaco di tutti"

Tra le priorità della nuova amministrazione, enunciate nel centro pulsante del quartiere alluvionato, Zattini, ci sono la messa in sicurezza del territorio, stimolare il Governo per l’accelerazione dei ristori

È cominciato con il giuramento e la proclamazione all’unanimità a sindaco della città di Forlì la nuova consiliatura di Gian Luca Zattini, candidato del centrodestra alle ultime elezioni amministrative dell’8 e 9 giugno. Il primo consiglio comunale dello “Zattini bis” si è svolto martedì pomeriggio in via eccezionale al Palazzetto dei Romiti di via Sapinia, luogo simbolo del quartiere alluvionato dei Romiti, davanti a un pubblico di circa 150-200 persone. Il consiglio è stato presiduto dalla consigliera anziana (la più votata) Elisa Massa.

VIDEO - "Ci siamo divisi in due come una mela"

 
“E’ una grande emozione essere qui oggi ai Romiti, in un luogo simbolo della città alluvionata” ha dichiarato il sindaco Gian Luca Zattini immediatamente dopo il giuramento sulla Costituzione. “Fare il sindaco è un incarico importantissimo, che ogni volta mi trovo a ricoprire con grande onore. Voglio ringraziare tutti i forlivesi che mi hanno votato ma anche tutti coloro che non l’hanno fatto. Sono e sarò sempre il sindaco di tutti. Nel mio ruolo, bisogna essere capaci di spogliarsi di ogni casacca e fare squadra”.

VIDEO - Il giuramento del sindaco davanti ai 200 del PalaRomiti

“Con il candidato sindaco del centro sinistra, avversario e amico Graziano Rinaldini, ci siamo confrontati in maniera leale e senza debordare da rapporti istituzionalmente corretti. Il sindaco si spoglia di un'appartenenza politica e della sue origini per rappresentare la comunità e per fare sintesi”, sempre Zattini. E riferendosi alla campagna elettorale aggiunge: “Ci siamo divisi in due come una mela. Terminata la campagna elettorale, dobbiamo ripartire insieme, nella chiarezza dei diversi ruoli, e collaborare per quanto possibile per il bene della città”.

primo consiglio 2 luglio 2024 4

Tra le priorità della nuova amministrazione, enunciate nel centro pulsante del quartiere alluvionato, Zattini, ci sono la messa in sicurezza del territorio, stimolare il Governo per l’accelerazione dei ristori, e poi i progetti Pnrr da completare, la famiglia, la conciliazione dei tempi di vita casa-lavoro, l’università, il polo aerospaziale, il Pug, tema della casa, l’ambiente e i cambiamenti climatici. “Speriamo che sia un quinquennio più semplice del precedente, per portare più avanti Forlì, con un impegno corale per il 'cittadone'”.

Leggi le notizie di ForlìToday su WhatsApp

Al primo consiglio comunale sono stati anche formalizzati i capigruppo: Fabrizio Ragni per Fratelli d'Italia, Leonardo Gallozzi per 'La Civica', Alberto Gentili per Forza Italia, Albert Bentivogli per la Lega, Alessandro Gasperini per il Pd, ed infine Eros Brunelli per il M5s, Elena Colangelo per Rinnoviamo Forlì, Diana Scirri per Avs e Massimiliano Pompignoli per il Gruppo Misto: questi ultimi tre gruppi sono formati dal solo capogruppo. Con una figura prevista dal regolamento del Consiglio comunale Graziano Rinaldini diventa coordinatore dei gruppi di opposizione.

primo consiglio 2 luglio 2024 6

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primo consiglio, il sindaco: "Mi spoglio di ogni appartenenza politica per essere il sindaco di tutti"
ForlìToday è in caricamento