menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ritorno alla normalità sfortunato per il mercato: dopo tre mesi di stop, pure la pioggia

Era da febbraio – quando già il nemico invisibile aveva cominciato ad allungare i suoi tentacoli - che gli espositori non parcheggiavano i propri mezzi nelle vie del cuore di Forlì

Pioggia battente nella prima del mercato ambulante in centro storico nell'era del covid-19. Era da febbraio – quando già il nemico invisibile aveva cominciato ad allungare i suoi tentacoli - che gli espositori non parcheggiavano i propri mezzi nelle vie del cuore di Forlì. Piazza Saffi, l'inizio di via delle Torri, piazza Duomo, piazza Cavour hanno visto venerdì il ritorno degli esercenti itineranti; tuttavia il maltempo ha fatto sì che l'appuntamento con le bancarelle fosse in versione ridotta, con molti degli espositori che hanno rinunciato alla presenza.

Chi si è presentato all'atteso appuntamento ha voluto dare un segno di normalità dopo aver subìto un danno notevole dall'emergenza sanitaria. anche se per quanto riguarda il pieno delle casse c'è da attendere giorni migliori. La pioggia, che si è fatta ancor più battente nella tarda mattinata, non ha invogliato infatti allo shopping. Ma non è questo il momento per abbattersi. Sicuramente lunedì potrà andare decisamente meglio, alla luce anche delle previsioni meteo che indicano bel tempo.

IL VIDEO - La pioggia "bagna" il ritorno del mercato in centro

L’assessore con delega ai mercati, Andrea Cintorino, ha girato un po' tra i banchi, portando “conforto” tra gli ambulanti ed assicurando il massimo impegno dell'amministrazione per la ripresa. “Purtroppo non è iniziato nel migliore dei modi per colpa della pioggia e delle temperature tutt'altro che da fine primavera – esordisce -. Più la metà dei banchi non era presente, ma con queste condizioni atmosferiche era scontato. Ora auspichiamo in lunedì soleggiato per la vera ripartenza”.

Nonostante un 29 maggio vestito d'autunno, qualcuno non ha mancato alla prima: “Gli ambulanti hanno manifestato tutto il loro entusiasmo nel ricominciare dopo tre mesi di inattività. Inoltre c'era anche qualche cliente temerario che ha fatto degli acquisiti” La ripartenza bagnata è servita un po' per collaudare le misure di sicurezza. “La prova del 9 sarà sicuramente quando ci saranno tutti gli operatori, ma non sono state segnalate criticità - fotografa il vicecomandante della Polizia Locale, Andrea Gualtieri -. La pioggia ha limitato l'affluenza al mercato ed era presente circa la metà degli operatori”.

Gli espositori presenti sono stati attenti nel rispettare gli obblighi previsti e che l'emergenza sanitaria impone, come verificato dagli agenti della Polizia Locale presenti sul posto. Per garantire il criterio del distanziamento sociale e le misure di contenimento di diffusione del contagio, è stata ridefinita la posizione di alcuni posteggi funzionale a mettere in sicurezza sia gli operatori che la clientela. Sono stati predisposti dei corridoi di separazione tra la vera e propria attività mercatale e la viabilità ordinaria al fine di tenere separati i due ambienti e scongiurare assembramenti.

Inoltre, con l’intento di tutelare sia i cittadini che gli ambulanti, è stato disposto l'obbligo nell’intera area mercatale di utilizzare guanti monouso e sistemi di protezione delle vie respiratorie, come ad esempio le mascherine, o qualsiasi altro indumento atto a coprire naso e bocca. I guanti, alla pari di gel e prodotti igienizzanti, devono essere in ogni caso messi a disposizione della clientela dai venditori ambulanti che devono garantire puntualmente il corretto utilizzo della merce in esposizione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Scroccadenti romagnoli, uno tira l'altro: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento