Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca

L'atteso ritorno sui banchi, "è l'inizio di una 'nuova scuola': si riparte con i sanificatori anti-virus e muffe

Un giorno speciale, che sicuramente rimarrà nella memoria collettiva degli alunni in primis, ma anche di insegnanti, genitori e nonni

13 settembre 2021, il primo giorno di scuola in presenza dopo un anno scolastico, quello 2020-2021, condizionato dall'epidemia da covid-19 e dalla didattica a distanza. Il virus non è scomparso, ma il ritorno sui banchi di tutti gli studenti è un segnale verso la tanta auspicata normalità. Il sindaco di Forlì Gian Luca Zattini e l'assessore alle politiche educative Paola Casara hanno inaugurato il primo giorno di scuola alla media "Palmezzano". Un giorno speciale, che sicuramente rimarrà nella memoria collettiva degli alunni in primis, ma anche di insegnanti, genitori e nonni.

"Questo e il giorno piu importante dell’anno - ha sottolineato il sindaco Zattini -. E' il momento che piu mi emoziona e che quest’anno assume un significato ancora piu profondo. Ci eravamo lasciati con l’obiettivo di ripartire in presenza, rispettosi delle norme anti-covid ma seduti ai banchi di scuola, l’uno di fianco all’altro e con la voglia di condividere idee e conoscenze. Ci eravamo lasciati con l’impegno assunto da questa Amministrazione di fare tutto cio che era possibile per riconsegnare a studenti ed insegnati una scuola piu sicura, pronta a confrontarsi con le conseguenze del covid e le sfide della ripartenza. Fin dal primo giorno, abbiamo lavorato senza sosta con i nostri uffici per un nuovo inizio, per una “nuova scuola”".

Riprende il primo cittadino: "Con grande emozione e una nota di orgoglio, possiamo dire che ce l’abbiamo fatta. In tutte le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di nostra competenza, abbiamo fatto installare 840 sanificatori dell’aria per assicurare la permanenza degli studenti in ambienti controllati e con ridotta possibilita di diffusione di virus, batteri e muffe. Abbiamo speso piu di 200mila euro di risorse comunali per coprire 66 plessi scolastici e 500 ambienti tra aule e mense, ma non abbiamo mai avuto alcuna perplessita su quale fosse la priorita di questa Amministrazione. La nostra priorita sono i ragazzi e il loro futuro. Su di loro e sulla scuola continueremo a investire senza porci limitazioni. Con il cuore colmo di gioia, auguro a tutti gli studenti, gli insegnanti e il personale scolastico di questa citta un buon rientro in classe. Non perdete mai la fiducia in voi stessi. Siete il nostro orgoglio".

VIDEO - Le opere di Irene Ugolini Zoli restaurate alla Palmezzano

"Dopo lunghi mesi di didattica a distanza, infatti, si torna in classe al 100%, con la mascherina e nel rispetto della normativa anti-covid ma tutti insieme per condividere un lungo anno scolastico che, prima di tutto, è un’impareggiabile esperienza di vita - le parole di Casara -. Continueremo a fare di tutto affinché la scuola si svolga in presenza, garantendo il diritto alla socialità dei nostri ragazzi. A loro, che sono il nostro futuro e la sfida più importante di questo Paese, riservo un grande in bocca al lupo".

VIDEO - Il primo giorno di scuola

"Un augurio sincero e affettuoso ai più giovani che oggi affrontano una nuova importante esperienza, un passaggio significativo che molti di noi conservano fra i ricordi indelebili della vita", arriva dal parlamentare della Lega, Jacopo Morrone: "Auspico che per tutti i nuovi alunni questo sia un inizio proficuo e ricco di belle esperienze. Allo stesso modo rivolgo gli auguri a tutti gli alunni e studenti che già hanno maturato uno o più anni di studio. Educazione, istruzione e formazione sono fondamentali per la vostra crescita personale e per il futuro lavorativo e professionale che vi aspetta. Un sentito augurio, infine, a tutti i docenti che tanta importanza e responsabilità hanno nella vita di tutti gli studenti, per una loro completa realizzazione come cittadini e come persone".

La cerimonia al Cnos Fap

Il primo cittadino ha poi consegnato agli studenti del Cnos una copia della Costituzione. "La legge fondamentale del nostro Stato è un testo di straordinaria fattezza democratica, caratterizzato da un virtuoso bilanciamento tra diritti e doveri e da un tratto giuridico inconfondibile - sono le parole di Zattini -. A questi straordinari ragazzi, che sono il nostro futuro e la scommessa più grande di questa città, ho chiesto di sfogliare le pagine della Costituzione italiana con grande attenzione, soffermandosi a riflettere sui valori e le libertà che scaturiscono da questo semplice ma prezioso testo che ancora oggi, dopo più di 70 anni, scandisce la vita di questo meraviglioso Paese. Quella del Cnos è una realtà educativa straordinaria, che intreccia la formazione professionale con la prassi salesiana. Grazie ai tanti e qualificati insegnanti e al senso di responsabilità del direttore Sergio Barberio, la cittadella studio dei salesiani è diventata un gioiello scolastico che non ha nulla da invidiare ai migliori ‘college’ americani e che proietta Forlì, e tutta la Romagna, nella galassia della formazione professionale".

Cnos Fap 2021-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'atteso ritorno sui banchi, "è l'inizio di una 'nuova scuola': si riparte con i sanificatori anti-virus e muffe

ForlìToday è in caricamento