menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due processioni a 102 anni dall'ultima apparizione della Vergine ai pastorelli di Fatima

La prima è in programma sabato, alle 20.30, al santuario bertinorese della Madonna del Lago. L’altra si terrà alle 21 di domenica a Vecchiazzano

Sono due le processioni mariane programmate in Diocesi, a ricordare i 102 anni dall’ultima apparizione a Fatima, in Portogallo. Le prime manifestazioni della Vergine ai pastorelli Lucia Dos Santos di 10 anni, Giacinta Marto di 7 e Francisco Marto di 9 anni, fratello di Giacinta e cugino di Lucia, avvennero il 13 maggio 1917 e si ripeterono nei mesi successivi fino al 13 ottobre dello stesso anno, quando ebbe luogo l'ultimo prodigio col “Miracolo del sole”, alla presenza di circa 70.000 persone. Il primo evento in ordine di tempo si terrà al santuario bertinorese della Madonna del Lago sabato alle 20.30.

Al termine della processione, che si snoderà lungo tutto il viale che unisce la chiesa alla Via Emilia, si terranno la santa messa e l’atto di consacrazione al Cuore Immacolato di Maria. Presiede don Filippo Foietta, l’ultimo forlivese in ordine di tempo ad essere stato ordinato sacerdote in Diocesi. Sarà presente anche don Fabio Castagnoli, nuovo assistente diocesano dei Gruppi di Preghiera Padre Pio, che tradizionalmente organizzano la processione alla Madonna del Lago. Lunedì, alle 10, il santuario ospiterà i funerali di monsignor Elvezio Pagliacci, ultimo rettore della chiesa, morto l’11 ottobre a Cesena all’età di 93 anni. La Madonna del Lago, che si festeggia il 5 di maggio, condivide con la Beata Vergine del Fuoco lo status di compatrona della Diocesi di Forlì-Bertinoro.

Il santuario si trova in piena campagna, tra Bertinoro e Forlimpopoli. Le prime notizie sul popolare luogo di culto risalgono al 1181, quando il vescovo di Forlimpopoli decide di concederne l'amministrazione ai frati camaldolesi dimoranti nella Badia di Santa Maria di Urano di Bertinoro, oggi scomparsa. L’edificio è stato ampiamente rimaneggiato nel corso dei secoli, dapprima con l'ampliamento del 1279 e poi con gli interventi del 1481. La veste attuale risale al XVIII secolo: in quel periodo, il santuario ha cambiato persino l'orientamento, in origine rivolto a oriente. L’odierna facciata risale invece al 1875. La chiesa è stata interamente restaurata a partire dal 1975, con il ripristino dell'antica muratura romanica.

L’altra processione mariana nell’anniversario dell’ultima apparizione della Vergine in Portogallo, è in programma alle 21 a Vecchiazzano di Forlì, presso l’Opera Nostra Signora di Fatima condotta dai Servi del Cuore Immacolato di Maria. Seguirà la celebrazione della Santa Messa, presieduta dal vescovo di Forlì-Bertinoro mons. Livio Corazza. I religiosi, con casa madre a Roma, sono approdati a Forlì nel 2008, prendendo possesso di una casa colonica donata da Linda Pellegrini, missionaria in Kenya e collaboratrice di Annalena Tonelli, trucidata a Borama, in Somaliland, nel 2003. La comunità forlivese è composta da 4 sacerdoti e da un fratello religioso guidati da padre Daniele Marzotto.

I Servi del Cuore Immacolato di Maria puntano alla “nuova evangelizzazione dell’intiepidita cristianità locale”, attraverso la predicazione e momenti di preghiera quotidiani, culminanti nell’adorazione eucaristica delle 15.45, nel rosario delle 18.15 e nella Messa delle 19. In via Borghina, 4 sono già attivi un centro di spiritualità con una cappellina di 50 posti e una sala multimediale intitolata a don Arturo Femicelli. L’obiettivo dei religiosi è realizzare una piccola Fatima nei circa 30.000 metri quadrati di terreno adiacenti l’Opera.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento