rotate-mobile
Cronaca

La prof filmata con l'amante e poi ricattata: catturati due fratelli latitanti

Dopo circa un mese di ricerche ed accertamenti, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Forlì, hanno finalmente rintracciato e catturato due giovani fratelli romeni

Avevano sorpreso la professoressa con l'amante, minacciandola di mostrare il video in loro possesso a suo marito se non avesse pagato il loro silenzio con la somma di 3mila euro. Dopo circa un mese di ricerche ed accertamenti, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Forlì, hanno finalmente rintracciato e catturato due giovani fratelli romeni, rispettivamente di 20 e 21 anni, ed entrambi nullafacenti, condannati dal tribunale di Forlì ad un anno e tre mesi di reclusione per estorsione e resistenza a pubblico ufficiale.

I fatti risalgono al maggio dello scorso anno. La donna, dopo ripetute pressioni e minacce avvenute telefonicamente ed attraverso sms, si rivolse ai Carabinieri di Forlì i quali, al termine di una meticolosa attività di indagine, riuscirono a catturare e trarre in arresto i responsabili, subito dopo la consegna del denaro da parte della donna. Nella circostanza, al fine di sottrarsi alla cattura, i malfattori si diedero alla fuga, aggredendo i militari con calci pugni e testate.

I militari riuscirono a recuperare il denaro di cui si erano disfatti ed il telefono cellulare sul quale era memorizzato il video. L’ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio esecuzioni penali della Procura di Forlì a seguito della condanna passata in giudicato era rimasta ineseguito, in quanto i due indagati erano latitanti. Solo fitte ricerche hanno permesso ai militari di localizzarli e bloccarli a Forlì durante una loro breve trasferta per recuperare alcuni effetti prima di emigrare definitivamente in Germania. Ora i fratelli si trovano in carcere a disposizione della magistratura.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La prof filmata con l'amante e poi ricattata: catturati due fratelli latitanti

ForlìToday è in caricamento