menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mille giovani studenti-ciclisti forlivesi apriranno la 12esima tappa del Giro d'Italia

Il progetto di educazione stradale è ormai una realtà consolidata del territorio con le numerose attività pluridisciplinari che ogni anno vengono attuate dagli insegnanti e dagli operatori volontari con i ragazzi delle scuole

Il progetto Ies (Insieme per l’educazione stradale), coordinato a livello cittadino dai professori Simonetta Polato e Marco Susanna, quest'anno terminerà con un evento senza precedenti in tutta Europa. I 1000 alunni delle 42 classi prime medie di Forlì apriranno in bicicletta la 12esima tappa del Giro D’Italia del 18 maggio in partenza dalla Città di Forlì. Il progetto di educazione stradale è ormai una realtà consolidata del territorio con le numerose attività pluridisciplinari che ogni anno vengono attuate dagli insegnanti e dagli operatori volontari con i ragazzi delle scuole. I ragazzi avranno l'opportunità memorabile di percorrere un tratto di strada prima dei corridori.

Il corteo, tra cui vi saranno anche alunni diversamente abili, partirà in bicicletta, caschetto in testa e maglia rosa, da Piazza Cavour alle 9 e dopo aver percorso un tratto del circuito ciclistico, arriverà in Viale Bologna dove sosterà nel Piazzale del McDonald’s che offrirà una merenda ai partecipanti per attendere il "Km zero" di tappa proprio nella zona del progetto Ies. Nel frattempo ci sarà la cerimonia di premiazione del Trofeo caschetto dedicato alla memoria di Alice Valenti e verrà cantato l’inno di progetto “Precedenza assoluta”. I premiati saranno 9 come gli istituti comprensivi coinvolti e riceveranno una bicicletta offerta dal Papà di Alice e da Baldoni bike di Forlì.

Il tutto avverrà sotto la protezione e la tutela della Polizia Municipale e l’Aci in regime di traffico interdetto con accompagnamento. "Ricordiamo infatti che queste istituzioni hanno avuto un ruolo determinante durante tutto l’anno scolastico per educare i nostri figli, renderli sicuri e per insegnargli appunto che il vero nemico sulla strada non porta la divisa - spiegano Polato e Susanna -. Cogliamo l’occasione per ringraziarli di vero cuore per il servizio offerto come pure un grazie va ai numerosi insegnanti, genitori, coordinatori di plesso, ai Salesiani di Cnosfap e ai Carabinieri di Villafranca che hanno lavorato in sinergia per la realizzazione di tutto questo".

Partner del progetto Daniele Carloni di Iperpneus di Forlì e sponsor insieme ad Assicoop Romagna Futura agente per la Romagna di UnipolSai Assicurazioni e gli agenti di Forlì e a Rotary Tre Valli e Start Romagna. "Tutti insieme hanno reso quanto mai ricco il progetto offrendo numerosi strumenti gratuiti a tutti gli alunni perché la scuola è anche questo, scuola di vita e di educazione alla cittadinanza", concludono. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento