Cronaca

Museo del Novecento in piazza Saffi e Museo del Volo: il Comune vuole il percorso "da patrimonio Unesco"

L'obiettivo è di portare il turista che arriva a Forlì, in gran parte per visitare le mostre al San Domenico, fino in piazza Saffi e da qui nel Quartiere Razionalista di viale della Libertà dove poter ammirare, tra le altre cose, i mosaici sul volo del Collegio Aeronautico

L'obiettivo è di portare il turista che arriva a Forlì, in gran parte per visitare le mostre al San Domenico, fino in piazza Saffi e da qui nel Quartiere Razionalista di viale della Libertà dove poter ammirare, tra le altre cose, i mosaici sul volo del Collegio Aeronautico. Come rendere appetibili le due tappe? Portando la Collezione Verzocchi e su Wildt da palazzo Romagnoli a palazzo Albertini  ristrutturato ad hoc per tale scopo – trasferendo quindi la collezione più preziosa del Novecento in piazza Saffi -, e trasformando il cortile centrale dell'attuale edificio scolastico di piazzale della Vittoria, quello impreziosito dai mosaici razionalisti, un vero e proprio museo, a prezzi ridotti per chi ha già il biglietto per la mostra del San Domenico o i Musei civici. “Oltre al Collegio Aeronautico investiamo molte risorse nello storico progetto di recupero di viale della Libertà, dopo un secolo, oltre che per piazzale della Vittoria e i giardini della Resistenza. A lavori terminati vorrei chiedere per il quartiere razionalista, un bene unico che ha Forlì, il riconoscimento come patrimonio Unesco”, commenta l'assessore alla Cultura Valerio Melandri.

Melandri traccia il futuro dei palazzi della cultura a Forlì, disegnando una vera e propria mappa degli epicentri, dei punti di un percorso turistico e culturale della città. “Il primo presupposto è che non recupereremo un luogo senza avere un'idea sull'uso futuro, come è avvenuto per esempio per i camminamenti di ronda della Rocca, restaurati e poi inutilizzati tanto che ora sono da riprendere”, fissa il primo paletto l'assessore. Il primo step di un percorso è il quarto stralcio del San Domenico, già presentato, con una nuova ala museale dei Musei Civici e un'area di ristorazione. Qui si conta di avere il progetto definitivo nell'autunno e partire coi lavori alla fine dell'estate 2022. 

“Vogliamo portare i turisti in piazza Saffi e per questo dobbiamo portare in piazza i pezzi più pregiati che abbiamo, le collezioni Verzocchi e di Wildt, da posizionare con un progetto museale moderno a Palazzo Albertini”, spiega Melandri. Palazzo Albertini è un contenitore della cultura di fatto dismesso da circa una quindicina di anni nel cuore pulsante della città. A Melandri non piace l'allestimento di palazzo Romagnoli, che pur nuovo per l'assessore è stato realizzato con canoni vecchi, “con tutte le opere sullo stesso livello, in una sequenza indistinta, invece di valorizzare i capolavori di grandi artisti che sono presenti”. Il progetto per Palazzo Albertini per 1,5 milioni di euro vede il cronoprogramma con un inizio lavori a breve, nel luglio 2021 e termine alla fine del 2022.

C'è poi un altro progetto, anch'esso da 1,5 milioni di euro, che il Comune intende presentare, col progetto definitivo a fine maggio, quello del 'Museo del Volo', il recupero della parte centrale dell'ex Collegio Aeronautico in piazzale della Vittoria, isolandolo dalla scuola e rendendolo un museo a se stante, con un progetto museologico già affidato a Emanuela Bagattoni. Lo step successivo sarà l'approvazione da parte della Soprintendenza. Il progetto porterà al miglioramento sismico anche dell'edificio scolastico grazie a un finanziamento di 937mila euro già definito, a cui appunto si aggiungono i circa 500mila euro del museo vero e proprio. A tale somma c'è da aggiungere uno stanziamento da 450mila euro per gli intonaci esterni del Collegio Aeronautico, in stato di degrado e transennati ormai da decenni.

Conclude Melandri: “Stanno per partire i lavori di riqualificazione di viale della Libertà e dei giardini della Resistenza, altri 500mila euro andranno al recupero del monumento ai Caduti di piazzale della Vittoria, all'ex Gil è prevista la Casa della Musica, con fine lavori prevista a settembre 2023. Ci sono molti interventi sul Quartiere Razionalista, al termine dei quali sogno di chiedere il riconoscimento come patrimonio Unesco”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Museo del Novecento in piazza Saffi e Museo del Volo: il Comune vuole il percorso "da patrimonio Unesco"

ForlìToday è in caricamento