"Promemoria Auschwitz", Generazioni in Comune mette mano al portafogli: "Il Comune ha negato i contributi"

Lo rende noto l'associazione Generazioni in Comune, che copre la quota mancante di 370 euro per consentire il percorso di studi ad uno studente

"Il Comune di Predappio nega contributo alla partecipazione di ragazzi predappiesi al progetto ""Promemoria Auschwitz" - treno della Memoria". Lo rende noto l'associazione Generazioni in Comune, che copre la quota mancante di 370 euro per consentire il percorso di studi ad uno studente. L'associazione che sostiene il gruppo consigliare di minoranze dell’omonima lista, guidato dal capogruppo Gianni Flamigni - ricorda che "è al 2011 che ragazzi predappiesi che frequentano le scuole superiori affrontano questo percorso didattico grazie al contributo dell’amministrazione comunale e di associazioni attive nel territorio provinciale. Quest’anno i ragazzi predappiesi che hanno aderito volontariamente al progetto sono due: una quota è stata messa a disposizione da Anpi Forlì-Cesena e l’altra avrebbe dovuto coprirla l’amministrazione. Il progetto "Promemoria Auschwitz" realizzato in tutta Italia con il patrocinio del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati è un progetto di educazione alla cittadinanza attraverso la promozione della partecipazione, pensato per accompagnare le giovani generazioni alla scoperta e alla comprensione della complessità del reale – a partire dal passato e dalle sue rappresentazioni – e all'acquisizione dello spirito critico necessario per un protagonismo nel presente".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tolti i fondi al progetto "Promemoria Auschwitz": il sindaco spiega il perchè

"Vedere Auschwitz oggi e coglierne il significato, le implicazioni e le complessità non può prescindere da una prospettiva che non si limiti alla memoria nazionale ma sappia allargare lo sguardo a una dimensione più ampia. Guardare alla storia delle persecuzioni e degli stermini della seconda guerra mondiale significa costruire la consapevolezza che i processi che ne furono alla base sono parte di un passato comune, così come lo sono le conseguenze sociali, politiche, culturali che quella storia ha portato. Senza una forte attenzione all'educazione, all'esperienza, all'apprendimento delle giovani generazioni, non potremo sperare di avere in futuro una società civile più consapevole di ciò che è avvenuto nel nostro passato - proseguono da "Generazioni in Comune" -. Proprio per questo troviamo ingiustificabile il mancato contributo da parte dell’amministrazione comunale di Predappio a questo importante progetto. 370 euro non trovati in bilancio -fondi facilmente reperibili- sono una cifra minima che avrebbe dato la possibilità ad un ragazzo di Predappio di vedere con i propri occhi la più grande tragedia della storia dell’umanità. Un fatto dall'alto valore simbolico, soprattutto in queste settimane in cui sono all’ordine del giorno atti di odio e antisemitismo nella nostra società. E' preoccupante che l'Amministrazione comunale di Predappio, città che più delle altre dovrebbe sentire forte il dovere di impegnarsi per tenere viva la memoria, non abbia ritenuto importante dare questo segnale: ci auguriamo che possa ripensarci, altrimenti sarebbe un atto molto grave".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia: la giornata al fiume finisce in tragedia, muore una ragazza

  • C'è anche una media del 10, ecco gli studenti più bravi del liceo scientifico

  • Covid-19, tornano ad aumentare i casi attivi: a Forlì due nelle ultime 24 ore

  • Auto si schianta contro un camion: due feriti gravi, 16enne in terapia intensiva

  • La Polizia segue il viaggio in treno del cliente, due pusher finiscono in arresto

  • Scuole: ragioneria raddoppia le prime, lo Scientifico con una succursale. "Didattica a distanza a rotazione"

Torna su
ForlìToday è in caricamento