rotate-mobile
Cronaca

Pronto soccorso non in regola con la prevenzione Covid? L'Ausl: "C'è anche un modulo per le attese"

Tutte le regole di prevenzione sanitaria contro il Covid sono rispettate al pronto soccorso: è il contenuto della replica che arriva dall'Ausl Romagna dopo la segnalazione di protesta di un lettore

Tutte le regole di prevenzione sanitaria contro il Covid sono rispettate al pronto soccorso: è il contenuto della replica che arriva dall'Ausl Romagna dopo la segnalazione di protesta di un lettore. L'utente del pronto soccorso infatti si meravigliava dell'asenza di un termoscanner all'ingresso, “con gente che entra senza controlli anche solo per prendersi il caffè alla macchinetta”. Inoltre “l'unico dispenser (manuale e senza pedale) dell'igienizzante si trova dentro vicino a dove si fa il triage e non all'ingresso dove di norma si dovrebbe trovare”. Protesta anche perché “all'interno non ci sono neanche le sedie "spaziatrici" utili a distanziare le persone”. Quindi lo sfogo del lettore: “Se pensiamo ai bambini che vanno a scuola con mascherine, non si possono muovere dal banco, vengono controllati giornalmente tutto questo mo sembra assurdo”.

Tuttavia la direzione del Pronto soccorso precisa che “il  triage del Pronto soccorso, operato da un infermiere, presuppone una valutazione ben più articolata e professionalmente qualificata di una semplice misurazione col termoscanner che prevede, anche, la misurazione della temperatura corporea con il termometro, metodo certamente piu affidabile”. “Per quanto riguarda i dispenser di disinfettante non sono collocati in sala d'attesa, perché  è disponibile un erogatore di igienizzante sul bancone dell'accettazione”. Ed infine sulle sedie a distanza di sicurezza: “I posti a sedere nella sala d'attesa sono già disciplinati secondo le distanze previste”

Ed infine: “Ricordiamo infine che, da gennaio scorso è  stata allestita una struttura provvisoria di colore bianco, che serve per ospitare gli accompagnatori dei pazienti che hanno accesso al Pronto Soccorso, in un luogo riscaldato e collegato alla postazione del Pronto Soccorso con un sistema audio. Si tratta di un modulo prefabbricato che, senza interventi invasivi che potrebbero interferire con le attività sanitarie, consente di aumentare gli spazi di attesa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pronto soccorso non in regola con la prevenzione Covid? L'Ausl: "C'è anche un modulo per le attese"

ForlìToday è in caricamento