rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca

Cosa fare in caso di terremoto? Protezione Civile in Piazza con "Io non rischio"

I volontari di "Protezione Civile - Sos Forlì" hanno incontrato la cittadinanza, consegnare materiale informativo e rispondere alle domande su rischio sismico e buone pratiche di protezione civile in caso di calamità naturali

Cosa fare durante un terremoto e dopo la fine della scossa. Cosa fare nel bel mezzo di un'alluvione o una frana. Come interpretare un'allerta. In Piazza Saffì, a Forlì, è tornata la campagna di sensibilizzazione ed informazione "Io non rischio", firmata dalla Protezione Civile. I volontari di "Protezione Civile - Sos Forlì" hanno incontrato la cittadinanza, consegnare materiale informativo e rispondere alle domande su rischio sismico e buone pratiche di protezione civile in caso di calamità naturali.

"Io non rischio", campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico, è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica. L’elenco dei comuni interessati dalla campagna è online sul sito ufficiale della campagna, www.iononrischio.it, dove è inoltre possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto o un maremoto.

VIDEO - I consigli dell'esperto in caso di terremoto

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cosa fare in caso di terremoto? Protezione Civile in Piazza con "Io non rischio"

ForlìToday è in caricamento