Lunedì, 15 Luglio 2024
Anziani

Cresce la terza età ed arriva la psicologa dell'invecchiamento: "Stimoliamo la memoria e la socialità"

Una nuova figura specializzata è attiva nella Residenza della città di corso Diaz e fornisce un supporto psicologico agli ospiti della struttura e ai loro famigliari

Una nuova figura specializzata nelle problematiche connesse al passare degli anni, capace di accompagnare e supportare, dal punto di vista psicologico, le necessità delle persone anziane. Una presenza importante quella dello psicologo dell’invecchiamento, in una provincia che secondo i dati dello studio Antares si troverà ad affrontare un crescente indice di vecchiaia da qui al 2030, con più di 2 anziani sopra i 64 anni per ogni abitante nella fascia di età da 0 a 14, anche in uno scenario di media crescita demografica

In aiuto arriva la psicologo dell’invecchiamento, figura presente attualmente nella “Residenza della città” di corso Diaz, ospitata all’interno dello storico palazzo Prati. Una figura competente ed esperta che offre agli ospiti della casa di riposo un supporto significativo per quanto riguarda le attività di stimolazione cognitiva, ma anche di tipo psicologico, attività che vengono estese anche ai famigliari che spesso vivono il senso di colpa collegato al distacco dai genitori o da parenti in età avanzata, per l’impossibilità di prendersene cura in modo continuativo.

“Questa esperienza è iniziata nel mese di febbraio - spiega Fausta Martino, psicologa dell’invecchiamento e assistente sociale che opera, a titolo volontario, all’interno della struttura - e consiste nell’accompagnare gli ospiti della struttura nel loro percorso di avanzamento negli anni, con le necessità e le caratteristiche di questo momento molto delicato”. Si tratta prevalentemente di anziani che devono fare i conti con perdita di memoria e sintomi di demenza senile, per i quali è prevista una terapia farmacologica che però, da sola, non basta.

“Grazie alle attività di stimolazione che portiamo avanti nei nostri incontri del lunedì - dice la psicologa - cerchiamo di arginare il declino cognitivo e di sollecitare le competenze residue di ognuno che sono collegate alla memoria e all’attenzione”. Gli ospiti presenti nella residenza, sorta nel 2021, sono 13, all’interno di un ambiente famigliare in cui è possibile arredare le stanze con i mobili di casa e che comprende due sale da pranzo, una cucina e due saloni aperti alle visite e che, ogni domenica pomeriggio, ospitano la messa celebrata da don Gabriele. 

“I nostri incontri iniziano sempre con il saluto di benvenuto e con il ripasso dei nomi - dice Fausta Martino - e per chi non lo ricorda, c’è sempre un personaggio famoso a cui associarlo: la nostra Maria, ad esempio, ci ha fatto pensare a Maria Callas. Si tratta di incontri molto belli, in cui gli esercizi di stimolazione per le persone coinvolte diventano giochi, che giochi non sono, e che sono un tassello importante del percorso di vita”.  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cresce la terza età ed arriva la psicologa dell'invecchiamento: "Stimoliamo la memoria e la socialità"
ForlìToday è in caricamento