Qualità della vita, Casadei (PD): "Il bel balzo di Forlì"

Regione Emilia Romagna promossa a pieni voti dal tradizionale dossier di fine anno proposto dal “Sole 24 Ore” sulla qualità della vita. In questa importante graduatoria di valutazione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Regione Emilia Romagna promossa a pieni voti dal tradizionale dossier di fine anno proposto dal “Sole 24 Ore” sulla qualità della vita. In questa importante graduatoria di valutazione Forlì si colloca al 12° posto della classifica con un balzo in avanti rispetto allo scorso anno di ben sette posizioni. Sicuramente un risultato assai significativo che fa ben sperare in anni duri e difficili come quelli vissuti e quelli che verranno. Forlì è ai massimi livelli di eccellenza per i servizi e il sistema pubblico integrato del welfare (asili, sanità, assistenza sociale), ma anche per il Pil, tra i più alti in assoluto. Se però ci sono “sentiment” altamente positivi, la percezione pubblica dei forlivesi si oscura su temi quali il caro vita e sull’ordine pubblico: il verificarsi di furti più frequenti e di altri eventi criminosi fa calare quella che viene definita “percezione di sicurezza”.

La nostra provincia ha saputo, nel tempo creare solidi fondamentali per resistere agli urti che questa crisi sta infliggendo tutte le città d'Italia. Qui si rivela, e lo dico con orgoglio, uno spirito solidale che porta a non lasciarsi abbattere, ma di trovare nuovi metodi per risollevarsi e soprattutto per farlo in tempi brevi. Le buone prassi sono state messe in campo per tutelare, nonostante i forti tagli inflitti agli enti locali dal precedente Governo Berlusconi, i servizi primari e lo sforzo è stato premiato. Il premio non è  soltanto la posizione in classifica ma ciò che la determina, ovvero la percezione dell’opinione pubblica: una percezione che infonde fiducia. Che i cittadini abbiano premiato il lavoro di una collettività di amministratori che con profitto hanno cercato, in questi anni  di tenersi vicini ai bisogni e alle istanze della collettività: ottenere importanti risultati è dunque per tutti motivo di grande soddisfazione. A questo punto, dunque, non resta che proseguire con tenacia il lavoro per la costruzione di una Forlì e di un territorio romagnolo sempre più al passo con le nuove sfide economiche, sociali, culturali.

 

Torna su
ForlìToday è in caricamento