Quattro anni fa il devastante terremoto in Centro Italia: il ricordo della Protezione Civile di Forlimpopoli

Sono passati già quattro anni dal terremoto che sconvolse il centro Italia. Dalla Romagna partì la colonna di volontari della Protezione Civile

Case inghiottite in un amen dalla terra. Morti, feriti e devastazione. Sono passati già quattro anni dal terremoto che sconvolse il centro Italia. Dalla Romagna partì la colonna di volontari della Protezione Civile. "Quattro anni fa, ci svegliammo con un'intera parte d'Italia crollata - esordisce la Protezione Civile di Forlimpopoli in un post ricordo pubblicato su Facebook -. Nella notte, una scossa di magnitudo 6.0, aveva raso al suolo i meravigliosi borghi dell'Italia centrale. Il sistema di Protezione Civile venne subito attivato e poche ore dopo anche una squadra della nostra Associazione partì in aiuto alla popolazione. Passammo la notte ed il giorno dopo a montare tende e preparare i campi di accoglienza. Nei mesi successivi ci alternammo con i tanti volontari nella gestione di un'emergenza, ancora troppo frequente".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Terremoto del 24 agosto 2016: tutte le notizie

"Ogni anno ricordiamo questa data: così come ricordiamo l'Aquila e l'Emilia - viene rimarcato -. Le ricordiamo perché queste esperienze hanno impegnato non solo il nostro tempo, ma soprattutto il nostro cuore. Perché dietro ad ogni crepa, dietro ad ogni crollo, dentro ad ogni tenda c'era una storia. C'erano gli sguardi disperati di chi aveva perso tutto, c'erano gli abbracci di chi ci ringraziava per il solo fatto di essere presenti. E c'era, prepotente, la voglia di ricominciare, di non arrendersi, nonostante tutto. Questo ricordiamo ogni anno: perché le persone, i fatti, i luoghi sono memoria di tutti. E finché ci sarà qualcuno a ricordarli, non moriranno mai".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Forlì spiccherà il volo verso Spagna, Germania e Ungheria: ufficializzata la terza compagnia

  • Aeroporto, il Ridolfi torna sui radar di tutto il mondo: si parte con i voli commerciali

  • L'aeroporto di Forlì alla conquista del Mediterraneo: si allunga la lista delle compagnie

  • Tre notti al freddo dopo la scivolata nei boschi, la storia del tartufaio: "Il mio cane non mi ha abbandonato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento