Cronaca

In pochi giorni 300 firme per Maurizio, morto a 46 anni: "Dedichiamogli una quercia al Parco urbano"

In pochi giorni sono arrivate più di 300 firme per una petizione molto particolare, quella di dedicare una quercia del Parco urbano 'Franco Agosto' a “Mauri"

In pochi giorni sono arrivate più di 300 firme per una petizione molto particolare, quella di dedicare una quercia del Parco urbano 'Franco Agosto' a “Mauri”, oppure “Happy” o “Gigante buono”: tanti infatti erano i nomignoli usati dai tanti amici di Maurizio Lentis, infermiere dell'Avis al centro di raccolta dell'ospedale, morto per un malore improvviso in via Cornelio Gallo lo scorso 7 gennaio. Lentis aveva 46 anni, colpito dal malore in casa è riuscito a correre in strada per chiedere aiuto, ma l'arrivo tempestivo del 118 non è stato sufficiente per salvargli la vita. Cordoglio è stato espresso dall'Avis.

Ora un gruppo di amici ha deciso di chiedere al sindaco e all'assessore all'Ambiente del Comune di Forlì di intitolargli una quercia del Parco Urbano. Perché una quercia?  “Essa potrà rappresentare ai posteri la grandezza, la tenacia, la solennità che solo Maurizio era in grado di trasmetterci. Sarà la sua e nostra quercia dove magari potremo andare per chiedere consiglio, per sentirlo vicino o semplicemente per commuoverci in sua memoria”, spiega il testo della richiesta, redatto dall'amico Adamo Pittalis. 

Questo il ricordo: “Maurizio aveva 46 anni e ha dedicato l'intera vita agli altri prestando servizio di volontariato presso la diocesi di forli-Bertinoro a più riprese, oltre che aver lavorato in altre strutture residenziali per anziani e presso il suo ultimo lavoro l'Avis di Forlì dove era amato e stimato da tutti, pazienti e colleghi. Maurizio è stato un faro per tutti i ragazzi della sua generazione, ci ha sempre traghettato verso più nobili e pacifiche opere. Era un leader storico di diverse formazioni musicali di genere metal. Anche se era un tenerone e ogni tanto ascoltava la Pausini e Ligabue. Profondo conoscitore di tutto il panorama musicale mondiale e sopratutto profondo conoscitore dell'animo umano. Riusciva con la sua imponente presenza a trasmettere pace, sicurezza e serenità a tutti coloro che lo circondavano. Amante della natura e delle grigliate, insomma il nostro gigante buono”. L'iniziativa “Una Quercia per Mauri” ha visto la sottoscrizione di 300 firme. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In pochi giorni 300 firme per Maurizio, morto a 46 anni: "Dedichiamogli una quercia al Parco urbano"

ForlìToday è in caricamento