rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Solidarietà

Silvia e Ugo, morti mentre andavano al concerto di Vasco: incredibile generosità, oltre 200mila euro per le figlie rimaste orfane

Un piccolo aiuto per Giulia, Marta e Irene, che sta ricevendo una risposta incredibile da tutt'Italia. Ad aprire l'iniziativa I i colleghi del reparto di oncologia nel quale lavorava Silvia Ruscelli

Il dramma di Silvia Ruscelli e Ugo Beltrammi, i coniugi scomparsi tragicamente in un incidente stradale mentre si stavano recando il 20 maggio scorso a Trento per assistere al concerto di Vasco Rossi, ha commosso l'Italia. La coppia che viveva a Sarsina, lui di 49 anni e lei di 47, ha lasciato tre figlie: Giulia, Marta e Irene, tutte minorenni. E in loro aiuto l'Istituto Oncologico Romagnolo si è attivato con una raccolta fondi in memoria di Silvia, dottoressa oncologa all’Irst di Meldola, attraverso la piattaforma insiemeachicura.it, che ha ricevuto l'incredibile risposta di oltre 3.600 donatori. Tanti cuori, che sommandoli hanno portato ad un contributo di più di 215mila euro. C'è chi l'ha fatto come Nicola in memoria di "due bellissime persone, a due compaesani dal grande cuore, ad una famiglia per bene".

"Non ci conoscevo - scrive ad esempio Maria Cristina -. Ma in comune avevamo la passione per Vasco. Colui che a voi come a me, ha fatto organizzare tutto: famiglia, lavoro e per poter essere lì sotto quel palco e cantare le sue splendide canzoni. Quel palco che voi purtroppo non avete visto. Un abbraccio grande alla famiglia". Viviana invece augura alle piccole "un futuro radioso che possa ricompensarle, anche se solo in parte, per l’enorme perdita subita". Le parole di Paola sottolineano l'importanza dell'attività svolta da Silvia: "Medici, come eri tu, non dovrebbero mai morire". "La tua paziente sensibilità continuerà a vivere per sempre con le tue figlie", è il pensiero che ha accompagnato la donazione di Ivan. 

Il dramma

I cuori della coppia si sono spenti per sempre venerdì 20 maggio: Silvia e Ugo stavano percorrendo in sella ad una moto la statale 45 bis Gardesana occidentale, nei pressi di Dro. Dovevano raggiungere Trento per assistere al concerto di Vasco Rossi, il primo dopo lo stop per la pandemia. Per cause ancora da accertare, la moto si è scontrata con un camion che sopraggiungeva dalla parte opposta. Da quel tragico giorno la comunità di Sarsina, dell'Istituto Oncologico Romagnolo e dell'Irst di Meldola si è riunita attorno a Giulia, Marta e Irene. L'Irst informa che "la nostra raccolta fondi continua: niente di ciò che riusciremo a donare a questa famiglia potrà colmare un vuoto tanto grande, ma aiutare non è mai una cosa inutile". Oltre alla donazione online è possibile partecipare al crowdfunding tramite bonifico bancario all’Associazione Volontari e Amici dell’Istituto Oncologico Romagnolo OdV (Iba  IT20A0538713202000003061433) specificando nella causale il titolo della raccolta fondi, “In Ricordo di Silvia”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Silvia e Ugo, morti mentre andavano al concerto di Vasco: incredibile generosità, oltre 200mila euro per le figlie rimaste orfane

ForlìToday è in caricamento