Olga combatte il linfoma di Hodgkin. Bimbi e ragazzi forlivesi creano un musical per una raccolta fondi

La 33enne vive e studia da sola a Bologna. Per mantenersi e concludere gli studi universitari, sta continuando a lavorare, nonostante la chemioterapia e le sue difficili condizioni di salute

Un musical per Olga, una studentessa 33enne di Chernobyl alla quale le è stato diagnosticato il linfoma d'Hodgkin allo stadio 4B. Ad organizzarlo un gruppo di bambini ed adolscente dai 6 ai 14 anni, che quest'estate hanno dato vita ad una piccola compagnia teatrale chiamata Aquatik dal quale è nato un progetto "amatoriale" sul "Re Leone" sull'onda del successo cinematografico. Il gruppo ha trascorso tutti i pomeriggi di luglio, organizzando e producento il musical "Dada". Lo hanno quindi proposto ad amici, parenti e conoscenti per raccogliere piccole offerte per Olga. Sul web è attiva una raccolta fondi sul portale https://www.gofundme.com/f/forzaolga.

La 33enne vive e studia da sola a Bologna. Per mantenersi e concludere gli studi universitari, sta continuando a lavorare, nonostante la chemioterapia e le sue difficili condizioni di salute. Ele Harvey e Federica Rossi hanno quindi organizzato una raccolta solidale "che le permetta di concentrarsi sulla sua salute e di mantenersi economicamente in questo periodo difficile". Al momento sono stati raccolti oltre 2600 euro su un obiettivo di 10mila. Alla ragazza le è stato diagnosticato un linfoma d'Hodgkin allo stadio 4B (stadio 4 significa che il tumore si è diffuso oltre i linfonodi, per esempio a fegato, polmoni o ossa e per B si intende la presenza di sintomi specifici, tra cui perdita di peso del 10% negli ultimi sei mesi, febbre o sudorazione notturna profusa). 

"Olga è, come diciamo noi romagnoli, una "ragazzona" di 180 cm con due occhi verdi che incantano e un modo talmente educato e rispettoso nel porsi con il prossimo da essere disarmante - si legge sul portale di crowdfunding -. Olga è bielorussa e ha 33 anni, è nata pochi giorni prima della catastrofe di Chernobyl, è al secondo anno di Università e ha un posto letto in un piccolo appartamento a Bologna con un'altra ragazza. E' stata un'atleta della Nazionale di canottaggio bielorussa e, dopo aver concluso la sua carriera, ha deciso di dare una svolta alla sua vita lasciando il suo paese decidendo di affrontare questa nuova avventura in Italia. Prima di arrivare in Italia, ha studiato per 6 mesi l'italiano e nel 2017 è riuscita a superare brillantemente il test di ammissione per la facoltà scelta all'Università di Bologna. La madre, una donna con difficoltà a deambulare, lavora come assistente ad anziani in Veneto".

Lo scorso febbraio ha avvertito uno strano affaticamento ed un dolore alla cassa toracica. E la sua vita è cambiata totalmente. Dopo la visita al Pronto Soccorso è stata immediatamente ricoverata all'Istituto di Ematologia e Oncologia Medica "L. e.A. Seragnoli" a Bologna. Accanto a se i suoi compagni di corso universitario. Dopo 24 giorni di accertamenti è arrivata la diagnosi "linfoma d'Hodgkin stadio 4B". A maggio è iniziata la chemioterapia, che esegue all'ospedale Sant'Orsola a Bologna. "Ci va a piedi (circa 3 chilometri) perché dice che deve tenere il suo corpo attivo. A fine di luglio le hanno comunicato che dovranno cambiarle la terapia. Olga continua a frequentare l'università e a dare gli esami in facoltà con ottimi risultati, anche oggi ha preso 30 nell'esame di oncologia (ironia della sorte)".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Punta un euro su un gratta e vinci e non crede ai propri occhi: il "Sette e mezzo" è fortunato

  • Porta l'auto dal meccanico e dal cofano spunta una micia: "E' una gatta di casa, cerchiamo la sua famiglia"

  • Pit stop "stupefacente" dal gommista: la Squadra Mobile scopre il canale della droga per Forlì

  • Travolge una passante nei pressi del centro commerciale e non si ferma. Trovata grazie alle telecamere di ultima generazione

  • Minacce di morte dentro un supermercato: serata 'agitata' in viale Vittorio Veneto

  • Guidava con la patente revocata da oltre sette anni: multa salatissima per un 32enne

Torna su
ForlìToday è in caricamento