Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Portico e San Benedetto

Rainbow Family, dopo il caso di Covid gli hippy possono lasciare la bolla solo se identificati

Il provvedimento autorizza infatti l'uscita dall'area diventata 'bolla Covid' dopo il caso di una donna sintomatica risultata positiva al Covid-19

I partecipanti del raduno hippie "Rainbow Family", che all'inizio di agosto ha visto la partecipazione di circa 500 persone, potranno lasciare l'area dell'Alto Mugello sotto il monitoraggio delle forze dell'ordine. E' quanto prevede la nuova ordinanza del sindaco di Marradi Tommaso Triberti. Il provvedimento autorizza infatti l'uscita dall'area diventata 'bolla Covid' dopo il caso di una donna sintomatica risultata positiva al Covid-19, presa in carico da un'ambulanza di Marradi e dalla sanità fiorentina.

Per uscire dalla zona è necessario farsi identificare in modo che le Asl di competenza possano notificare i provvedimenti di quarantena. Complice anche il maltempo, nel bosco al confine con il territorio forlivese sono rimaste circa un'ottantina di persone. Sul versante romagnolo sono stati i Carabinieri della Compagnia di Forlì a monitorare i sentieri che da San Benedetto in Alpe portano verso le cascate dell'Acquacheta e il Monte Lavane e sulla strada provinciale del passo della Peschiera che da San Benedetto conduce a Marradi. I partecipanti al raduno sono stati sempre collaborativi con le forze dell'ordine.

Giovedì mattina, dopo il caso di positività accertato, per limitare un eventuale focolaio epidemico, sono partiti i tamponi a tappeto nel raduno off-limits, ma non tutti avrebbero accettato il test. Il sindaco di Marradi aveva così firmato un'ordinanza che vietava l'accesso alla zona, per evitare nuovi ingressi, ma anche uscite dall'area del raduno per lo meno in attesa del tampone. Quindi il nuovo provvedimento, che consente di partecipare di lasciare l'area

Si legge nel provvedimento: "Chi abbandona l’area deve essere in possesso di screening negativo rilasciato dall’Ausl, Setting Igiene e Sanità Pubblica, ovvero deve fornire le proprie generalità, alle forze dell’ordine presenti ai varchi di uscita, affinchè possano essere trasmesse alle rispettive Ausl, territorialmente competenti, per valutare le opportune misure cautelative da attuarsi al fine di scongiurare la propagazione del virus Sars-Cov2".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rainbow Family, dopo il caso di Covid gli hippy possono lasciare la bolla solo se identificati

ForlìToday è in caricamento