rotate-mobile
Cronaca

Rapina in farmacia, dipendenti minacciati con un coltello: le telecamere portano la Polizia a casa dei malviventi

Due soggetti sono finiti arrestati con l'accusa di aver rapinato una farmacia. Nelle indagini si sono rivelate fondamentali sia le telecamere interne dell'attività, sia quelle stradali, che hanno permesso di tracciare il veicolo

Due soggetti sono finiti arrestati con l'accusa di aver rapinato una farmacia. Nelle indagini si sono rivelate fondamentali sia le telecamere interne dell'attività, sia quelle stradali, che hanno permesso di tracciare il veicolo. E' stata così risolta, in poco più di un mese, la rapina  della farmacia Barboni di via Bertini 183, che aveva portato gli autori a scappare con un modesto bottino di appena 100 euro.

Nella mattinata di mercoledì personale della Squadra Mobile della Questura di Forlì-Cesena ha fatto irruzione in un'abitazione di Forlì traendo in arresto la coppia di presunti rapinatori, in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal tribunale. Entrambi sono stati arrestati e condotti in carcere, alla Rocca.

I fatti risalgono al pomeriggio dell’8 marzo, quando la centrale operativa della Questura era stata allertata per una rapina commessa ai danni della farmacia da parte di due uomini. Gli investigatori della Squadra Mobile sono subito accorsi sul posto per avviare le attività investigative e ricostruire minuziosamente l’accaduto. Dalle immagini e dalle testimonianze raccolte è emerso che due persone, con il volto coperto e armate di un lungo coltello, avevano minacciato il personale della farmacia e, dopo aver prelevato dal registratore di cassa alcune banconote, si erano poi fatti consegnare altre banconote dai dipendenti fuggiti sul retro della farmacia. Subito dopo la rapina, che aveva fruttato la somma complessiva di 100 euro, si erano dileguati a bordo di uno scooter.  

rapina farmacia barboni-2

Gli investigatori hanno perlustrato tutta l’area, non limitandosi a quella strettamente attigua alla zona della farmacia e, grazie anche alle telecamere pubbliche, nei giorni seguenti è stato possibile individuare con certezza quale fosse il veicolo utilizzato per la fuga, la direzione e le sagome dei sospettati. Gli indizi raccolti hanno portato gli investigatori fino ad un palazzo, che da quel momento è diventata il target dell’attività d’indagine della Squadra Mobile.

Infatti, gli accertamenti compiuti hanno consentito di appurare che nel palazzo vivevano due giovani italiani di circa 30 anni, già noti per reati contro il patrimonio e in materia di stupefacenti, con le stesse caratteristiche somatiche dei sospettati della rapina. Nel corso della perquisizione gli agenti hanno rinvenuto l’abbigliamento, i passamontagna e il coltello utilizzati nel corso della rapina. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina in farmacia, dipendenti minacciati con un coltello: le telecamere portano la Polizia a casa dei malviventi

ForlìToday è in caricamento