Ravegnana bis, l'annuncio di Corsini: "Si apre il confronto". Sul piatto tre proposte

Commissionata ad Anas la progettazione di proposte per riqualificare il tratto della strada statale 67 tra i due capoluoghi romagnoli

Mettere a punto un miglior collegamento stradale tra Ravenna e Forlì-Cesena, una “Ravegnana bis”, a partire da concrete proposte sui lavori da realizzare che la Regione Emilia-Romagna ha commissionato ad Anas. Sulle proposte arrivate alla Regione da parte del gestore Anas interviene l’assessore regionale ai Trasporti, turismo e commercio Andrea Corsini. "La Ravegnana è un collegamento strategico per il nostro territorio - afferma Corsini -, soprattutto alla luce degli investimenti e delle prospettive di sviluppo del porto di Ravenna e della prossima riapertura dello scalo aeroportuale di Forlì. Abbiamo incaricato Anas di elaborare delle proposte di collegamento che analizzeremo attentamente assieme ai Comuni di Ravenna e Forlì. Il nostro obiettivo è trovare la soluzione più adeguata a superare le criticità dell’attuale SS67-Ravegnana". Conclude Corsini: "Apriamo un confronto con i due Comuni per valutare le diverse possibilità con l’obiettivo di individuare la risposta migliore alle esigenze del territorio e implementare la rete infrastrutturale indispensabile per lo sviluppo della nostra regione”.

"E' una notizia veramente importante - afferma il sindaco di Forlì, Gian Luca Zattini -. La strada statale 67 che mette in collegamento Forlì e Ravenna è una arteria di comunicazione fondamentale per il sistema romagnolo e le sue attuali condizioni di inadeguatezza appaiono giorno dopo giorno come un grande limite al miglioramento della sicurezza e alle potenzialità di sviluppo del territorio. Con il sindaco Michele De Pascale ci stiamo confrontando sempre di più su questioni strategiche e, in questi ambiti, il tema dei collegamenti riveste un ruolo di assoluta priorità. Il lavoro congiunto sulla logistica (porto, aeroporto, ferrovia, viabilità ordinaria e autostradale), così come sulla formazione, sulla produzione e lavoro, sulla sanità e sul turismo, costituiscono la vera chiave di volta per realizzare grandi progetti proiettati nel futuro. La condivisione di idee, di proposte e di risorse fra Forlì e Ravenna, grazie all’impegno della Regione, sono un fondamentale valore aggiunto, così come lo è la volontà di rivolgere l’attenzione  a investimenti di tipo strutturale e permanente. Come la nuova Ravegnana. Rispondendo alla sollecitazione dell’Assessore regionale Corsini, assicuro che Forlì è pronta al confronto con la Regione con il Comune di Ravenna per individuare la risposta migliore alle esigenze del territorio e alle necessità di sviluppo".

Le proposte presentate da Anas

Lo studio preliminare ha preso in considerazione tre ipotesi, che vanno dalla realizzazione di un percorso parallelo a uno alternativo o all’adeguamento della sede stradale, con i relativi costi di realizzazione. La prima, per un Importo stimato di 133 milioni di euro, prevede la realizzazione di un percorso parallelo al tracciato originario (categoria C1 ovvero strada extraurbana secondaria a traffico sostenuto) che si innesta sulla SS16 via Classicana. Previsti circa 18 chilometri di strada di categoria C1, un sottopasso autostradale, 7 sottopassi stradali, 5 sottopassi agricoli, 3 ponti su canali, 6 rotatorie, uno  svincolo sulla strada Classicana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La seconda ipotesi,  per un importo stimato di 195 milioni di euro,  ruota su un percorso alternativo costituito da una strada di categoria B1 (strada extraurbana principale) che si innesta sul percorso della strada statale E45. Sono previsti circa 12 km di strada, un  sottopasso autostradale (A14), 5 ponti, 6 cavalcavia, uno  svincolo sulla strada  E45. La terza ipotesi  per un importo stimato di 75 milioni di euro consiste in un adeguamento in sede. E' previsto l’allargamento della carreggiata da 7.5 a 9 metri (categoria della strada C1), la riduzione del numero delle immissioni in carreggiata, l'adeguamento della viabilità locale e la rimodulazione delle intersezioni tramite rotatorie e due tratti in variante locale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Cervese alle prime luci del mattino, c'è un morto: chiusa al traffico la strada

  • L'auto sbanda e invade la corsia opposta: lo schianto è inevitabile, muore un uomo di 59 anni

  • Travolto da un'auto mentre attraversa sulle strisce: anziano in condizioni critiche

  • Pauroso schianto, finisce nel fosso e cappotta: liberato dall'abitacolo dai Vigili del Fuoco

  • "Sei entrato nel cuore di tutti": tanta commozione per l'ultimo saluto a Fabio Lombini

  • A 24 anni sta per realizzare il suo sogno nel cassetto: un "centro benessere" per i cani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento