Ricercato catturato dai carabinieri, a tradirlo la nascita del figlio

Scappato all'estero dopo una rocambolesca fuga dai militari dell'Arma, il malvivente era tornato in Italia sotto falso nome

Nella mattinata di sabato, al termine di una serie di indagini, i carabinieri di Cassano d'Adda in collaborazione coi colleghi della Sezione Operativa di Forlì, hanno messo la parola fine alla latitanza di un albanese 28enne ricercato in tutto il mondo. Il malvivente, il 15 novembre del 2018, insieme ad altri due complici era stato protagonista a Cesena di un folle inseguimento da parte dei militari dell'Arma che avevano sorpreso la banda mentre metteva a segno dei furti negli appartamenti.

In quella occasione la fuga si risolse con lo speronamento della gazzella da parte dell'Audi dei banditi finiti poi fuori strada. La carambola aveva visto 4 carabinieri che, seppur feriti, erano riusciti ad ammanettare due dei tre malviventi mentre il terzo era riuscito a fuggire facendo perdere le proprie tracce. Riparato all'estero, il 28enne era riuscito a cambiare la propria identità per tornare in Italia visto che la moglia, residente a Cassano d'Adda, aveva partorito il figlio. E' stato proprio questo a tradire l'albanese col richiamo della paternità che gli è costato le manette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento