menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tra attese e posticipi, il calvario di una ricercatrice forlivese: bloccata da un mese in Argentina

Francesca Bagioni, 25 anni, originaria di Forli', ha la voce stanca quando racconta la sua storia da una sala d'attesa dell'aeroporto di Buenos Aires

"È passato piu' di un mese da quando in Argentina e' stato imposto il lockdown per il coronavirus, e solo adesso ho la possibilita' di tornare in Italia dalla mia famiglia. Il volo era previsto per il 6 aprile, ma e' stato posticipato tre volte. Non c'erano notizie certe e ho temuto davvero di non riuscire a rientrare". Francesca Bagioni, 25 anni, originaria di Forli', ha la voce stanca quando racconta all'agenzia di stampa Dire la sua storia da una sala d'attesa dell'aeroporto di Buenos Aires.

Sta aspettando di imbarcarsi per Roma con un volo organizzato dalla Farnesina per rimpatriare gli italiani ancora bloccati nel paese, dopo che dal 19 marzo il traffico aereo e' stato sospeso, cosi' come gran parte delle attivita'. Francesca si trovava in Argentina, nella citta' di Santa Fe', con una borsa di ricerca dell'Universita' di Bologna, per studiare in un laboratorio la reazione che trasforma il metano e l'anidride carbonica in idrogeno.

"È successo tutto nel giro di pochissimo tempo - racconta -. Appena sono stati individuati i primi casi di Covid-19, immediatamente sono state chiuse le frontiere, il trasporto pubblico e' stato bloccato e non c'era modo di spostarsi. Ho contattato il consolato per capire come tornare in Italia, ma le informazioni erano molto confuse e la data del volo veniva continuamente rimandata".

Cosi' Francesca ha vissuto la prima parte della sua quarantena a Santa Fe': l'universita' era chiusa, non si poteva uscire di casa se non per motivi stringenti e tutte le attivita' produttive erano sospese, tranne quelle essenziali. "A un certo punto ho realizzato che la mia universita' non avrebbe riaperto fino ad agosto e ho dovuto rinunciare alla borsa di ricerca. Mi sono sentita molto sola: per quanto adori l'Argentina, non e' casa mia. In piu' mio padre non sta bene e quando ho capito che c'era il rischio di non riuscire a tornare mi sono preoccupata molto".

Pochi giorni fa, finalmente, la telefonata del consolato: il volo Alitalia organizzato dalla Farnesina era previsto per giovedì, ma quando Francesca e' andata sul sito per prenotare un posto ha scoperto che il prezzo minimo del biglietto era di 1.881 euro: "Ho pagato piu' del doppio del normale, ma non avevo scelta, quella era l'unica opzione possibile. Ci sono persone che sono state costrette a spendere anche di piu', perche' erano disponibili solo posti in business class da 2.300 euro. Per arrivare da Santa Fe' all'aeroporto di Buenos Aires, il consolato ha organizzato un pullman privato che ha raccolto me e le persone che vivevano nella mia stessa provincia. Da soli non si puo' andare da nessuna parte, servono i permessi".

Finalmente arrivata all'aeroporto, un ultimo stravolgimento: l'aereo era in overbooking e i passeggeri che avevano acquistato il biglietto erano piu' dei posti disponibili sull'aereo. Ergo, qualcuno sarebbe dovuto rimanere a terra e aspettare un altro volo, che sarebbe stato organizzato nei giorni successivi. "Per fortuna io sono tra quelli che riusciranno a salire, me l'hanno appena confermato- conclude Francesca-. Quando atterrero' a Roma, noleggero' un'auto per arrivare fino a Forli', poi dovro' stare per due settimane isolata in quarantena, senza contatti con nessuno. Ma non mi importa, l'unica cosa che voglio e' tornare a casa". (fonte Agenzia Dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento