Cinque anni fa la scomparsa di don Pier Luigi Fiorini: Castrocaro lo ricorda con una messa in suffragio

Il sacerdote sarà ricordato sabato, alle 18, nella chiesa dei Santi Nicolò e Francesco, con una messa presieduta da don Oreste Ravaglioli

Il 15 settembre 2014, stroncato da un malore, moriva improvvisamente don Pier Luigi Fiorini, parroco di Castrocaro. Il sacerdote sarà ricordato sabato, alle 18, nella chiesa dei Santi Nicolò e Francesco, con una messa presieduta da don Oreste Ravaglioli, suo successore alla guida pastorale della cittadina termale. Già parroco a Predappio dal 1997 al 2003 e vicario parrocchiale a Regina Pacis di Forlì fino al 1996, don Pigi, come lo chiamavano i suoi ragazzi ed amici, quel tragico pomeriggio si accasciò improvvisamente al suolo all’interno della chiesa castrocarese gremita di gente, poco prima dell'inizio del funerale di Giuseppe Fiorentini, l’ex direttore di medicina nucleare dell’Ospedale Morgagni-Pierantoni di Forlì deceduto tre giorni prima.

A detta di alcuni testimoni presenti alla funzione, don Pierluigi, pallido in volto, si stava incamminando verso l’altare centrale per presiedere il rito esequiale. Giunto all'altezza della cappella della Madonna dei Fiori, era stramazzato al suolo senza più riprendersi. Immediata la richiesta d'intervento al 118: sul posto sopraggiunsero i sanitari con un'ambulanza e l'auto medicalizzata, ma per il parroco, nonostante la rianimazione e il trasporto in ospedale, non si fu nulla da fare. Il giorno della tragica scomparsa di don Fiorini, don Ravaglioli era a pochi metri di distanza sull’altare centrale della chiesa, in attesa di concelebrare la liturgia funebre del dottor Fiorentini assieme don Dario Ciani, don Alfeo Costa e don Tedaldo Naldi, gli altri parroci del vicariato.

Don Pierluigi, nato a Terra del Sole il 28 novembre del 1949 e ordinato sacerdote nel 1975, era responsabile dell'Ufficio Diocesano per la Pastorale del Turismo, i Pellegrinaggi e il Tempo Libero, nonché cappellano della Casa di Riposo “Ziani-Venturini” di Castrocaro Terme. A lungo assistente della parrocchia di Regina Pacis al fianco del fondatore monsignor Gian Michele Fusconi, è stato il primo parroco diocesano della chiesa di Sant'Antonio a Predappio l’indomani della partenza dei frati francescani Minori. Nel 2003 il trasferimento a Castrocaro, dove ha operato pastoralmente sino alla morte. Le sue spoglie mortali sono conservate nella tomba di famiglia, presso il cimitero comunale di Castrocaro. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Identificato il ciclista forlivese travolto ed ucciso da un suv. Gli amici: "Pedala in cielo"

  • Un bagliore visibile a chilometri di distanza: incendio in un'azienda

  • Tira dritto alla rotonda della Tangenziale, si ribalta e distrugge l'auto: vivo per miracolo grazie alle cinture

  • Ruba il bancomat alle colleghe di lavoro, paga aperitivi e fa prelievi: incastrato dalla Polizia

  • Dopo l'esplosione al bancomat, pioggia di colpi sui carabinieri: proiettile colpisce l'auto di pattuglia

  • Folle velocità, schianto e cappottamento in Tangenziale: guidava con una patente falsa

Torna su
ForlìToday è in caricamento