Sabato, 19 Giugno 2021
Cronaca

La notte in un casolare, l'avvistamento di una signora: i contorni del ritrovamento del 15enne

Non sono emersi particolari motivi scatenanti la 'fuga', un gesto che il ragazzo aveva già fatto nel periodo natalizio, rientrando però a casa dopo poche ore

I segni sugli indumenti di una nottata trascorsa al freddo in un casolare abbandonato. E' stata la provvidenziale segnalazione di una passante, che si era recata in un ristorante di San Colombano per comprare una pizza, a consentire ai Carabinieri dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Meldola di rintracciare nella tarda serata di martedì il 15enne allontanatosi dalla sua abitazione di Cesena lunedì pomeriggio.

Già dalla serata di lunedì era scattata una vera e propria task force per ritrovarlo: Vigili del fuoco, Polizia, Carabinieri, Protezione civile lo hanno cercato per oltre 24 ore senza sosta lungo tutto il tratto cesenate della valle del Savio, partendo da via Roversano. Sono state impegate circa cento unità tra personale specializzato e volontari delle protezione civile ed anche l'elicottero dei Vigili del Fuoco, arrivato da Bologna, ed i cani molecolari.

Martedì sera la svolta, quando una donna ha riconosciuto in un ragazzino che camminava lungo la Provinciale 4 del Bidente nel 15enne allontanatosi da casa: questo è stato possibile grazie all'immagine diffusa da CesenaToday, per agevolare le ricerche. Immediatamente la signora allertato il commissariato di Cesena, che ha subito girato la segnalazione ai Carabinieri presenti sul territorio.

Gli uomini dell'Arma si sono precipitati sul posto e hanno setacciato la provinciale, trovandolo nella frazione di Gualdo, tra Meldola e Civitella. Era infreddolito, ma in buone condizioni di salute. Sul volto e negli indumenti i segni di una notte passata in un casolare di fortuna, che non è stato in grado di localizzarlo con precisione.

Non è stato necessario affidare il 15enne alle cure dei sanitari, ma solo all'affetto dei familiari, che hanno potuto tirare un sospiro di sollievo dopo esser stati col fiato sospeso per oltre 24 ore. Non sono emersi particolari motivi scatenanti la 'fuga', un gesto che il ragazzo aveva già fatto nel periodo natalizio, rientrando però a casa dopo poche ore.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La notte in un casolare, l'avvistamento di una signora: i contorni del ritrovamento del 15enne

ForlìToday è in caricamento