rotate-mobile
Cronaca

Rifiuti, si amplia ancora il 'porta porta': "Verso lo spegnimento dell'inceneritore"

Si amplia ancora la raccolta differenziata porta a porta a Forlì e questa volta, con il coinvolgimento dei quartieri Ca' Ossi, Resistenza e Ravaldino, "si supera il traguardo del 50% della popolazione interessata"

Si amplia ancora la raccolta differenziata porta a porta a Forlì e questa volta, con il coinvolgimento dei quartieri Ca' Ossi, Resistenza e Ravaldino, “si supera il traguardo del 50% della popolazione interessata”. Lo annuncia con soddisfazione il sindaco di Forlì Davide Drei, che ha presentato la novità con il neo assessore all'ambiente Nevio Zaccarelli, il direttore dei servizi ambientali di Hera, Tiziano Mazzoni e Francesca Bacchiocchi, del servizio ambiente del Comune. 

L'obiettivo, ribadito da sindaco e assessore, è quello di velocizzare il percorso, partito nel 2010, fino al raggiungimento del 100% della popolazione. “Parliamo di una sempre maggiore attenzione alla minore produzione di rifiuto indifferenziato – continua il primo cittadino – per superare i modelli di smaltimento attraverso incenerimento. Ci muoviamo, tramite accordi a livello regionale e locale, per non aumentare la portata del nostro impianto e lavoriamo per la diminuzione del conferimento, fino a potere stabilire la data di chiusura dell'inceneritore”. 

Dal 19 ottobre il servizio di porta a posta raggiunge altre 7mila forlivesi, arrivando così al 53% della popolazione. Molti i partecipanti ai due incontri che si sono svolti nelle scorse settimane, con gli abitanti dei quartieri interessati, circa 700 persone. “Se i cittadini ci credono possono arrivare risultati ottimi – afferma Zaccarelli -, compresa la riduzione della tariffa, una volta che tutta la città sarà a regime e si potrà introdurre quella puntuale”. Per ora non sono previsti aumenti in bolletta, anzi è stata applicata una scontistica di circa un punto percentuale, come annunciato

Mazzoni spiega i dettagli. Martedì inizierà la distribuzione casa per casa dei contenitori e del materiale informativo. Mentre  circa un mese dopo partirà  la raccolta domiciliare nella sesta area di Forlì, la Zona Piscina, che riguarda i quartieri Ca’ Ossi, Ravaldino C2 e Resistenza e più nello specifico l’area compresa fra viale Risorgimento, via Decio Raggi (esclusi) e viale dell’Appennino, inclusa l’area a ridosso del parco Urbano, le vie Nigrisoli e Ponte Rabbi. La raccolta coinvolgerà complessivamente oltre 3.600 utenze (3446 domestiche e 170 non domestiche), pari a circa 7mila abitanti che, aggiunti ai 56mila delle prime 5 zone, porta a 63mila il numero dei forlivesi interessati dal sistema domiciliare, pari al 53% dei residenti di Forlì. 

Il modello Forlì
Nella Zona Piscina verrà applicato il modello di raccolta già utilizzato nelle zone Spazzoli, Foro Boario e Cervese, che prevede la raccolta del vetro con campane stradali, per consentire una migliore separazione dei materiali e per una raccolta differenziata di migliore qualità. Il ‘modello Forlì’ prevede l'utilizzo di quattro contenitori, consegnati a ogni famiglia dagli operatori incaricati da Hera: uno marrone chiuso per la raccolta dell’organico (ritirato 2 volte alla settimana, il martedì e il venerdì), con all’interno un sottolavello da 10 litri per la separazione in casa e una fornitura annua di sacchetti compostabili, uno grigio per l’indifferenziato (raccolto il sabato), uno giallo per plastica-lattine (ritirato il giovedì) e uno blu per la carta/cartone (lunedì).

I cittadini residenti nelle abitazioni fino a 5 unità familiari riceveranno 3 contenitori da 40 litri (plastica-lattine, carta e residuo secco indifferenziato), un contenitore da 25 litri per l'organico per l’esposizione all’esterno e un bidoncino sottolavello areato da 10 litri per ogni unità familiare e la fornitura di sacchetti compostabili per la separazione dell’organico in casa.  

Su richiesta dei cittadini che possiedono un giardino di almeno 40 mq viene distribuito anche un contenitore da 240/360 litri per le potature (sfalci, ramaglie e potature da giardino), che verranno raccolte il mercoledì. In alternativa ai contenitori su richiesta per gli scarti vegetali, è possibile chiedere in comodato d'uso gratuito una compostiera domestica da 300 litri per recuperare la frazione organica e vegetale e produrre compost per l’autoconsumo nell’orto e nel giardino.

Le compostiere, per chi ne ha i requisiti, sono a richiesta e garantiscono uno sconto in tariffa. I contenitori dovranno essere esposti entro le ore 6 del giorno di raccolta davanti all’abitazione, con il manico rivolto verso l’alto in modo da attivare l’apposita sicura antirandagismo, in un luogo facilmente accessibile dagli operatori.

I condomini
I condomini con più di 5 unità familiari, che in questa zona sono circa 240, riceveranno 4 contenitori condominiali da 240/360 litri (la dimensione dei contenitori viene valutata a seconda del numero delle unità abitative nei condomini e delle aree di pertinenza a disposizione all'interno del condominio), mentre a ogni famiglia sarà consegnato un sottolavello areato da 10 litri per l’organico assieme alla fornitura di sacchetti compostabili per la separazione dell’organico in casa. I condomini che abbiano la possibilità di posizionare i contenitori condominiali entro 4 metri dall’accesso, senza ostacoli (rampe, scalini, cancelli chiusi, ecc), previa liberatoria dell’amministratore di condominio (scaricabile via web dai siti https://ambiente.comune.forli.fc.it o www.gruppohera.it/clienti/casa), possono consentire l’accesso a piedi all’interno dell’area condominiale agli operatori Hera addetti alla raccolta (Del. Ato n. 3/2006 e n. 8/2011 del “Regolamento di gestione dei rifiuti urbani e assimilati” non consente l’accesso agli automezzi), evitando di dovere posizionare i contenitori in strada nel giorno di raccolta. Alle attività verranno consegnati i contenitori domiciliari in dimensione e numero adeguati alle specifiche esigenze.

Dal 15 settembre informazione e comunicazione ‘porta a porta’
In concomitanza con la consegna dei contenitori, da martedì 15 settembre gli operatori incaricati da Hera svolgeranno una puntuale campagna di informazione sul servizio consegnando a ogni nucleo familiare anche il materiale informativo appositamente prodotto: un calendario (dal 19 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016) con evidenziati i giorni del ritiro, una guida che spiega dettagliatamente il nuovo sistema di raccolta domiciliare e un ‘Rifiutologo’ con tutti i rifiuti in ordine alfabetico e la loro destinazione.

Per ulteriori informazioni sul porta a porta ci si può rivolgere al numero verde del Servizio Clienti di Hera 800.999.500, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22 e il sabato dalle 8 alle 18; negli stessi orari, per chi chiama da cellulare, è attivo invece il numero a pagamento 199.199.500 (costo come da contratto telefonico scelto dal cliente). Nell’ambito del Servizio Clienti, fino al 31 dicembre 2015, sarà attivo anche un canale telefonico dedicato al porta a porta: è sufficiente digitare in successione, dopo 800.999.500, il tasto 6 e il tasto 2: un operatore appositamente formato risponderà dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 13 e il lunedì e giovedì pomeriggio dalle 14 alle 16.30.

Il Punto Hera
Per la consegna di sacchetti di carta per l’organico, delle compostiere e dei set di contenitori per la raccolta differenziata in caso di rotture, furti o nuove utenze Hera ha attivato in via Golfarelli 79/B un apposito punto di distribuzione, al quale occorre rivolgersi muniti della bolletta di igiene ambientale, aperto il giovedì pomeriggio dalle 14.30 alle 18.30 e il sabato mattina dalle 9.00 alle 13.00. 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, si amplia ancora il 'porta porta': "Verso lo spegnimento dell'inceneritore"

ForlìToday è in caricamento