Cronaca

Quartieri, approvata la nuova riforma. Zattini: "Nessun atto di arroganza. Percorso virtuoso"

I Comitati diminuiranno da 41 a 21, mentre vedranno la luce otto Comitati territoriali

Il Consiglio comunale - con il voto favorevole della maggioranza e del Movimento 5 Stelle (astenuto il centrosinistra) - ha varato dopo oltre un anno e mezzo di discussione il nuovo Regolamento dei Quartieri. I Comitati diminuiranno da 41 a 21, mentre vedranno la luce otto Comitati territoriali. Possono essere eletti fino a sette componenti a sufraggio diretto nei quartieri fino a 7mila residenti, fino nove in quelli tra 7mila e 9mila e fino 11 in quelli oltre i 9mila abitanti. Inoltre potranno partecipare al voto cittadini stranieri che risiedono a Forlì da almeno 3 anni.

"C'è stato un percorso virtuoso dovuto alla disponibilità di questa maggioranza - sono le parole del sindaco Gian Luca Zattini in Consiglio -. Questo rappresenta una sintesi che ci ha visto meno distanti rispetto a quanto era possibile. Abbiamo messo mano ad un qualcosa che non funzionava e non vi era partecipazione sana, ma risicata. Il nostro obiettivo è migliorare e aumentare l'interesse dei cittadini per la vita della della nostra città". Per il primo cittadino quindi "nessun atto di arroganza. Un anno e mezzo di discussione denotano la voglia di fare dibattito, poi, ovviamente qualcuno alla fine deve anche prendere le redini della cosa e decidere una votazione, che credo sia stato il massimo della condivisione possibile da raggiungere".

L'assessore Cintorino: "Una vittoria della città"

"Prima di ogni altra considerazione, voglio ringraziare di cuore tutti i funzionari dell’unità partecipazione del nostro Comune che hanno lavorato scrupolosamente in questi mesi per restituirci un testo più attuale, coerente con la normativa vigente e rispettoso del principio di sussidiarietà, pratico e veloce che in parte rivoluziona l’assetto territoriale dei nostri quartieri, riuscendo tuttavia a preservarne la strategicità, la storia e la rappresentatività di tutti i territori - afferma l'assessore con delega al decentramento, Andrea Cintorino, promotrice del provvedimento -. Soprattutto, il nuovo regolamento dei quartieri non è una conquista politica esclusiva della maggioranza. È una vittoria della città e un provvedimento che ha visto la partecipazione e il contributo di tutte le forze politiche forlivesi, impegnatesi in lunghi momenti di confronto, anche conflittuali, per ragionare e condividere un testo decisamente migliorativo, costruito su misura per incentivare la partecipazione di tutti i forlivesi, anche quella dei minorenni, e rendere più autonomi e operativi i nostri comitati di quartiere. Dopo quasi un anno di commissioni, possiamo dire con grande orgoglio di aver deliberato un regolamento che rappresenta tutti, maggioranza e opposizione, e che, per questa ragione, non ha ricevuto alcun voto contrario".

"Il nuovo regolamento dei quartieri del Comune di Forlì è il frutto di un percorso partecipativo lungo quasi 12 mesi, faticoso ed appassionato, aspro ma inclusivo, che ha visto coinvolti in prima persona tutti i consiglieri comunali, le commissioni, gli uffici, gli stessi quartieri e i loro coordinamenti - commenta il gruppo consiliare della Lega -. Un percorso certamente complesso, caratterizzato dalla manifestazione di opinioni divergenti ma condivisibili, e dalla volontà dell’Amministrazione comunale di lavorare con spirito critico e buon senso con tutte le forze di opposizione del nostro consiglio per giungere responsabilmente alla definizione di un testo migliorativo, più snello, ricalibrato alle mutate esigenze territoriali di questa città e alla sua diffusa domanda di partecipazione".

La Lega: "Veri centri di partecipazione e di ascolto"

Prosegue la Lega: "In questi lunghi mesi, ci siamo più volte incontrati per affrontare scelte di merito, estranee a logiche faziose e di partito, volte esclusivamente al perseguimento del bene comune e al rispetto del ruolo, dell’identità e della storia dei nostri quartieri. Grazie al contributo di tutti, il nuovo regolamento non solo restituisce a questi organismi la loro legittima importanza, trasformandoli in veri centri di partecipazione e di ascolto nel pieno rispetto e valorizzazione del principio costituzionale della cittadinanza attiva, ma li rende più autonomi e responsabili, dotandoli di maggiori risorse, sedi e funzioni. Un ringraziamento particolare lo vogliamo riservare infine ai tecnici del Comune e all'assessore Cintorino, sempre a disposizione delle forze politiche consiliari per costruire un regolamento che fosse prima di tutto espressione condivisa di tutta la comunità forlivese".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quartieri, approvata la nuova riforma. Zattini: "Nessun atto di arroganza. Percorso virtuoso"

ForlìToday è in caricamento