rotate-mobile
Lunedì, 22 Aprile 2024
Cultura

Rimini Capitale della Cultura 2026, c'è anche il sostegno di Forlì: "Insieme siamo più forti"

Così Melandri: "Ci siamo riconosciuti in un progetto che non ha confini, che rappresenta tutta la Romagna e che ne abbraccia l’intero sistema museale, dello spettacolo e culturale"

Forlì si schiera al fianco del Comune di Rimini per la candidatura a capitale italiana della cultura 2026. Una candidatura che è figlia di un lungo percorso partecipativo che ha coinvolto e coinvolge tutta la Romagna. A prendere la parola nella sala spadolini del Ministero della Cultura a Roma, è l’assessore Valerio Melandri: "Quando il sindaco di Rimini ci ha chiesto se volessimo sottoscrivere e contribuire alla realizzazione di questo percorso, non ci abbiamo pensato un attimo. Ci siamo riconosciuti in un progetto che non ha confini, che rappresenta tutta la Romagna e che ne abbraccia l’intero sistema museale, dello spettacolo e culturale. Una proposta concreta orientata a un futuro sostenibile in cui al centro ci sono le persone. Sulla scia della grande esperienza che è stata Romagna Next, Rimini capitale della cultura 2026 rappresenta l’ennesimo virtuoso esempio di quella necessaria coprogettazione che ci permette di attraversare insieme sfide imponenti, come il benessere sociale delle nostre comunità, il cambiamento climatico e i nuovi piani urbanistici.”

"Questa candidatura” – aggiunge Melandri – “abbatte ogni campanilismo romagnolo perché va oltre le più naturali divisioni politiche. Il nostro è infatti un unico sistema culturale, che compensa l’assenza di un’unica identità amministrativa. Alla base di tutto c’è la consapevolezza che insieme siamo più forti e lo abbiamo dimostrato proprio durante i giorni dell’alluvione, quando tutta la Romagna ha dato prova del proprio orgoglio e del grande spirito di solidarietà e inclusione sociale che la attraversa”. “Noi - conclude l’assessore - ci mettiamo a disposizione di Rimini non solo idealmente, ma con le competenze, a partire dalla lunga esperienza di crowdfunding civico e art bonus che questa amministrazione ha intrapreso e coltivato in questi anni, per mettere a terra anche dal punto di vista economico quello che senza dubbio è un progetto di grande impatto e valore generativo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimini Capitale della Cultura 2026, c'è anche il sostegno di Forlì: "Insieme siamo più forti"

ForlìToday è in caricamento