menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rincaro dell'Iva alle coop sociali, Russo: "Incide sulla carne viva"

Pieno sostegno del vicepresidente della Provincia Guglielmo Russo al mondo delle cooperative sociali, che hanno sottoscritto un appello contro l'innalzamento dal 4% al 10% dell'Iva sulle prestazioni socio-assistenziali

Pieno sostegno del vicepresidente della Provincia Guglielmo Russo al mondo delle cooperative sociali (AGCI, Confcooperative, Legacoop di Forlì-Cesena), che hanno sottoscritto un appello contro l'innalzamento dal 4% al 10% dell'Iva sulle prestazioni socio-assistenziali di queste cooperative a partire dal 2014. Scrive Russo: “E’ una lotta che dobbiamo condurre tutti assieme con determinazione – e che mi vede completamente concorde - quella contro il previsto aumento dell’Iva dal 4% al 10% sui servizi socio-assistenziali resi dalle cooperative sociali. Dopo il recente incontro col ministro del Lavoro Enrico Giovannini e le centrali cooperative su questo tema, ritengo che il Governo debba rivedere tale provvedimento previsto dalla Legge di Stabilità”.

Spiega Russo: “Tale rialzo, infatti, andrà ad incidere sulla carne viva dei servizi sociali. Prima di tutto rappresenterebbe un colpo fortissimo sulle già disastrate casse degli enti locali che, come quelli del nostro territorio, dedicano un grande sforzo anche finanziario a qualificati servizi di sostegno alla persona. Ma non solo, il rincaro avrebbe una forte ricaduta sul mondo della cooperazione sociale, che pur nell’attuale e difficile fase economica sta garantendo una tenuta dei livelli occupazionali. Infine, il provvedimento colpirà fortemente anche le famiglie, che subirebbero un forte aumento dei costi per questi tipi di servizio”.

“Faccio quindi mio l’appello delle centrali cooperative al Governo affinché riveda con urgenza un rialzo dell’Iva che affonderebbe le politiche di welfare. Si tratta di un colpo alla qualità dei servizi che il Paese e il nostro territorio non possono proprio permettersi”, conclude Guglielmo Russo Vice presidente della Provincia di Forlì-Cesena e Assessore al Welfare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento