rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Cronaca

Ripartono gli incontri del Soroptimist: una serata dedicata alle strategie successorie in un’ottica di genere

Ha introdotto la serata Ivonne Grimaldi, presidente del Club, che ha posto l’accento sulla necessità di conoscere queste tematiche ai fini di una più consapevole pianificazione degli aspetti patrimoniali correlati alla successione

Con la fine dell’estate riprendono gli incontri del Soroptimist International Club di Forlì. Giovedì scorso si è svolta un’interessante conversazione (che rientra nelle azioni intraprese dal Club nellìambito del progetto nazionale Leadership e Membership della Soroptimista) dal titolo “Donne. Eredità, successioni. Cosa è utile sapere. Focus di approfondimento sulle strategie successorie in un’ottica di genere”.

Nei momenti spesso complicati che seguono la morte di un congiunto, assume significativo rilievo essere informati su oneri e diritti degli eredi, in particolare donne. Ad intervenire due professioniste esperte: Cristina Scozzoli, notaia e Annalisa Valgimigli, avvocata. Ha introdotto la serata Ivonne Grimaldi, presidente del Club, che ha posto l’accento sulla necessità di conoscere queste tematiche ai fini di una più consapevole pianificazione degli aspetti patrimoniali correlati alla successione. Le due relatrici, sottolineando come dalla conoscenza dei principi derivi una maggiore capacità di scelta, sono intervenute spiegando che tre, nel tempo, sono le leggi che hanno regolato le successioni, testamentarie e non: nel 1865, la prima legge codificata in un’Italia da poco unita; nel 1942, la seconda, che rispecchia i cambiamenti in un Paese strutturalmente mutato; nel 1975, la terza, che va di pari passo con la riforma del diritto di famiglia, in una società che si è evoluta dando spazio alle donne anche per ciò che riguarda l’eredità.

Quest’ultima legge è tuttora in vigore (pur con alcuni aggiustamenti) e regolamenta sia le modalità del testamento (olografo, pubblico, segreto), che i contenuti, specificando chi sono gli attori delle successioni: erede e legatario. Infine si è parlato di “quota legittima” e di “donazioni”, dei rischi e delle opportunità legati a questi istituti, a completamento di un quadro dai molteplici, a volte
complessi, risvolti. Scozzoli, notaia dal novembre 1999, esercita la professione a Forlì e collabora con le istituzioni pubbliche e private per la diffusione della cultura giuridica notarile. E’ membro del Consiglio Notarile dei Distretti Riuniti di Forlì e Rimini. Valgimigli, avvocata, ha svolto attività di direzione in servizi sociali, strutture e servizi per anziani. Attualmente insegna legislazione sociale ai corsi Oss, Raa, Coordinatori di servizi sociali, ed è conciliatore presso la Camera di Commercio di Ravenna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ripartono gli incontri del Soroptimist: una serata dedicata alle strategie successorie in un’ottica di genere

ForlìToday è in caricamento