Ripresa perché fumava, ragazza 17enne insulta i poliziotti e finisce denunciata

Può una ragazza di 17 anni insultare, offendere, usare turpiloquio nei confronti di uomini in divisa che comunque stanno facendo il loro lavoro per la sicurezza collettiva

Può una ragazza di 17 anni insultare, offendere, usare turpiloquio nei confronti di uomini in divisa che comunque stanno facendo il loro lavoro per la sicurezza collettiva, per quanto possa essere fastidioso il momento del controllo? A questa domanda dovrebbero rispondere psicologi e sociologi per analizzare un episodio in apparenza di poco conto, ma che è una spia accesa sulla società e su come viene tenuta in conto l'autorità della legge.

Il tutto si è verificato intorno alle 14.15 di lunedì nel piazzale Zambianchi, l'area di parcheggio e punto bus che si trova nei pressi della stazione, dietro la sede dell'Inps. E' qui che una pattuglia della Polizia ha sottoposto a controllo documentale un gruppo di giovani minorenni. A innescare la miccia sarebbe stato il “rimprovero” da parte di un poliziotto nei confronti della giovane, che fumava una sigaretta. Forse paternalistico si potrà dire, ma esiste per sempre un divieto – di fatto inapplicato – che vieta ai minori di 16 anni di fumare in luoghi pubblici e che comporta per i giovanissimi  la necessità per lo meno di avvisare sui rischi del fumo. 

Poteva finire lì, se non fosse stato che al rimprovero la ragazzina ha reagito insultando, offendendo, urlando parolacce nei confronti degli agenti operanti. Se lo “sbirro di merda” è purtroppo pane quotidiano per le forze dell'ordine operanti in pattuglia di notte, continua a fare una certa impressione se simili parole vengono proferite di giorno da giovanissimi senza alcun motivo apparente. Inevitabile a quel punto il provvedimento dell'autorità: la 17enne è stata denunciata alla giustizia minorile per oltraggio a pubblico ufficiale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strade di sangue, ancora una tragedia: drammatico schianto sulla via Emilia, un morto

  • Identificato il ciclista forlivese travolto ed ucciso da un suv. Gli amici: "Pedala in cielo"

  • Tira dritto alla rotonda della Tangenziale, si ribalta e distrugge l'auto: vivo per miracolo grazie alle cinture

  • Ruba il bancomat alle colleghe di lavoro, paga aperitivi e fa prelievi: incastrato dalla Polizia

  • Dopo l'esplosione al bancomat, pioggia di colpi sui carabinieri: proiettile colpisce l'auto di pattuglia

  • Spese pazze dopo l'assalto alla sala slot: presi a Forlì dopo il colpo da 30mila euro

Torna su
ForlìToday è in caricamento