Martedì, 16 Luglio 2024
Sicurezza

Rissa in Corso Mazzini, Ascom: "Fenomeno da non sottovalutare. Più controlli nelle abitazioni degradate"

Alberto Zattini, direttore di Ascom-Confcommercio, esprime "preoccupazione" dopo la violenta rissa avvenuta nei giorni scorsi tra Piazza Saffi e Corso Mazzini

"L'amministrazione comunale continui a tenere alta l'attenzione sulla sicurezza" in centro storico. Alberto Zattini, direttore di Ascom-Confcommercio, esprime "preoccupazione" dopo la violenta rissa avvenuta nei giorni scorsi tra Piazza Saffi e Corso Mazzini. Il ragionamento di Zattini parte dal presupposto che "il cambio della guardia avvenuto in Questura e Prefettura negli ultimi mesi ha prodotto risultati. Avvertiamo, attraverso i colloqui con i nostri associati, un apprezzamento diffuso per quella che potremmo anche definire 'linea dura”, quando in realtà si tratta 'solo' di far rispettare la sicurezza, un tema che ci sta a cuore". 

Leggi le notizie di ForlìToday su WhatsApp

Al neo-eletto sindaco Gian Luca Zattini, "del quale apprezziamo le parole espresse durante la nostra assemblea, quando ha garantito che l'amministrazione continuerà ad investire in eventi in centro storico nel periodo natalizio, facciamo un richiamo, perché continui a tenere alta l'attenzione sulla sicurezza. Quanto accaduto non può essere taciuto. La drammaticità delle immagini parla da sola. Si tratta di immagini cruente che certamente non trasmettono tranquillità al cittadino". 

In attesa che il sindaco definisca la giunta, Ascom chiede "che chi avrà la delega alla sicurezza, si attivi per un controllo più attento in quelle abitazioni del centro, spesso occupate da stranieri, dove non è chiaro il numero dei residenti effettivi. I fenomeni criminali si combattono anche con la prevenzione, consapevoli che spesso ci sono persone che, loro malgrado, sono costrette a viverci in condizioni inaccettabili e degradanti".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa in Corso Mazzini, Ascom: "Fenomeno da non sottovalutare. Più controlli nelle abitazioni degradate"
ForlìToday è in caricamento