Cronaca Forlimpopoli

Ritrovati scheletri durante i lavori stradali, in corso le verifiche degli archeologi

"I lavori intanto non si sono fermati, procedono un po' più a rilento e in altri punti", spiega il sindaco

Tre scheletri facenti parte di un'antica sepoltura: è quanto è stato ritrovato negli ultimi giorni a Forlimpopoli, durante i lavori di rifacimento di via Costa, arteria stradale del centro su cui si trova Casa Artusi. E proprio tra la sede del centro di gastronomia e la chiesa di San Pietro sono spuntati gli scheletri umani, ben conservati. I lavori di rifacimento della strada, che prevedono anche il rifacimento dei sottoservizi, la posa della fibra ottica, le fognature etc, sono andati più in profondita nel suolo, riportando così alla luce i reperti. Il primo ritrovamento è avvenuto venerdì pomeriggio, poi nelle giornate di lunedì e martedì si è lavorato per ampliare l'area dello scavo, recuperando così tre sepolture. "I lavori intanto non si sono fermati, procedono un po' più a rilento e in altri punti", spiega il sindaco Milena Garavini.

Sull'origine degli scheletri c'è già un'idea abbastanza precisa: quell'area infatti era adibita a cimitero annesso agli edifici di culto della zona, e la si sarebbe utilizzata per le sepolture fino al Seicento, per poi dismetterla quando è stata realizzata l'attuale struttura della Chiesa dei Servi, che ha previsto la razionalizzazione urbanistica di tutta l'area. Gli scheletri quindi potrebbero risalire a 4 o 5 secoli fa. La posizione stesa e con le mani giunte indicano chiaramente un'attività di sepoltura religiosa. In questi giorni sono in corso le ricognizioni archeologiche, per poi asportare i reperti e permettere il completamento del cantiere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ritrovati scheletri durante i lavori stradali, in corso le verifiche degli archeologi

ForlìToday è in caricamento