rotate-mobile
Cronaca

Rubavano moto e bici di alta gamma, la refurtiva partiva per l'Ucraina

La refurtiva veniva prima stoccata in un magazzino di Milano e poi spedita all'Est. In particolare motociclette e biciclette di alta gamma, ma anche altre attrezzature sempre per il mondo delle due ruote

La refurtiva veniva prima stoccata in un magazzino di Milano e poi spedita all'Est. In particolare motociclette e biciclette di alta gamma, ma anche altre attrezzature sempre per il mondo delle due ruote. Parte di questa merce ritrovata veniva anche dal territorio di Forlì-Cesena, dove i furti di questo tipo sono all'ordine del giorno. Una banda è stata sgominata dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Parma che ritengono che operasse tra l'Italia e l'Ucraina.

L'operazione, denominata 'Centauro', ha portato all'arresto di nove persone (di nazionalita' moldava, rumeni e ucraini), cinque denunce a piede libero e al sequestro di oltre un milione di euro di refurtiva. I militari hanno recuperato 31 moto, 74 bici da corsa, 76 televisori Lcd oltre a 15 furgoni, i mezzi che venivano utilizzati per trasferire la merce nei paesi dell'Est Europa.

La struttura logistica aveva sede tra Parma e Milano, mai furti -sono 22 furti quelli censiti – sarebbero avvenuti fra le province di Parma, Modena, Reggio, Bologna, Milano, Forli'-Cesena, Pesaro-Urbino, Padova e Lecco. Una volta smontata e imballata per evitare in controlli della dogana, le bici arrivavano in Ucraina per essere rimontate e poi rivendute. L'indagine dei carabinieri prosegue per identificare altri componenti dell'organizzazione ancora latitanti. Le ricerche proseguono a livello internazionale visto che alcuni dei fermati sono stati bloccati in Francia e Germania dove erano fuggiti nel tentativo di evitare l'arresto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubavano moto e bici di alta gamma, la refurtiva partiva per l'Ucraina

ForlìToday è in caricamento