Cronaca

Salute mentale, l'esperienza de "Il Dirigibile" al convegno regionale "Il teatro illimitato"

Oltre a Forlì, anche in altre realtà regionali si sono sviluppate autonomamente esperienze analoghe, al punto che è nato un vero e proprio progetto “Teatro e Salute mentale”, promosso e finanziato dalla Regione Emilia-Romagna

Teatro e salute mentale, dopo il libro, il convegno. Lunedì, al teatro Arena del Sole di Bologna, si terrà un congresso  diretto a fare il punto e riflettere sulle prospettive future del progetto partito sette anni fa. Nel 2012, infatti, le esperienze sviluppatesi in Emilia-Romagna sono state raccolte nel volume “Il teatro illimitato”, a cura di Cinzia Migani; ora, invece, è stata organizzata un’intera giornata seminariale sul tema (“Il teatro illimitato, Teatro, salute mentale, economie, per una cultura di comunità”), alla quale parteciperanno anche personaggi come Alessandro Bergonzoni e il comico Vito. Fra gli animatori del convegno, il Centro Diurno Psichiatrico del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell'Ausl di Forlì, una delle prime realtà regionali a sperimentare il teatro come strumento per la promozione del benessere individuale con la creazione, nel 2000, della compagnia teatrale il Dirigibile, formata da ospiti e operatori del Centro stesso.

Da allora, il Dirigibile ha ideato, allestito e rappresentato ben 12 opere teatrali originali, di elevata complessità e qualità artistica, sviluppando numerose e importanti collaborazioni esterne, tutte incentrate sulla crescita di una nuova cultura dell’integrazione, dell’inclusione, e dell’emancipazione, Negli anni, le condizioni generali psicofisiche e di salute dei pazienti sono notevolmente migliorate, anche al di là delle attese, così come il loro rapporto con se stessi, con gli altri, col mondo e con gli operatori. Fra i partecipanti alle attività teatrali, le crisi periodiche e i ricoveri sono stati quasi azzerati e alcuni di loro hanno ottenuto borse-lavoro o lavori “veri”; la loro autostima è cresciuta enormemente, così come la gamma delle loro relazioni sociali, inoltre hanno sviluppato abilità fisiche e manuali, capacità cognitive, espressive, creative, relazionali e competenze attoriali davvero importanti, testimoniate dalla partecipazione alle più importanti rassegne nazionali.

Oltre a Forlì, anche in altre realtà regionali si sono sviluppate autonomamente esperienze analoghe, al punto che è nato un vero e proprio progetto “Teatro e Salute mentale”, promosso e finanziato dalla Regione Emilia-Romagna. Tra gli esiti di quest’ultimo, vi è la conferma di quanto il teatro nella salute mentale sia capace di coinvolgere i cittadini nella produzione di cultura, che a sua volta realizza obiettivi di salute, in un circolo virtuoso che può mantenersi attraverso le reti della società civile: il teatro si fa illimitato nel momento in cui sceglie con coraggio e decisione di abitare i sogni.

La giornata seminariale è quindi interamente dedicata agli attori di questa scelta, con l’intento di raccontarla alla cittadinanza e renderne pensabile il prossimo futuro. In occasione del convegno, Forlì sarà rappresentata dalla dott.ssa Paola Longhi, responsabile del Centro diurno psichiatrico e componente del gruppo di coordinamento regionale del progetto “Teatro e Salute Mentale”, e dal dott. Claudio Ravani, direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche, che modererà la sessione “Quali scene di cura per un servizio efficace?”. Alla realizzazione dell’iniziativa ha contribuito il Centro Diego Fabbri di Forlì.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute mentale, l'esperienza de "Il Dirigibile" al convegno regionale "Il teatro illimitato"

ForlìToday è in caricamento