menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanatoria, nuova manifestazione per i migranti: "Questura e Prefettura applichino la norma"

"Chiediamo con assoluta fermezza e determinazione che la Prefettura e la Questura forniscano risposte per iscritto ogniqualvolta, in via interpretativa, affrontando una singola pratica, si discostino dal dettato normativo"

Secondo presidio indetto da Forlì Città Aperta, Black Lives Matter Forlì e Romagna Migrante di Cesena: l’appuntamento è per la mattina di sabato alle ore 11 in Piazza Ordelaffi a Forlì, di fronte alla Prefettura. La protesta riguarda l'applicazione dei provvedimenti di sanatoria per i migranti, approvati come misure di urgenza nel periodo dell'epidemia di Covid. "Mercoledì siamo già scesi in piazza numerosi per far sentire la nostra voce contro una sanatoria poco coraggiosa e discriminatoria e per denunciare il comportamento a nostro parere poco collaborativo della Questura e Prefettura di Forlì: continueremo a fare sentire la nostra voce fino a che non otterremo chiarezza, condivisione delle procedure e dialogo collaborativo", spiega una nota che presenta il secondo evento. 

Altre iniziative si terranno il 3 luglio, alle 80 in Piazzetta della Misura a Forlì con un'assemblea pubblica aperta alla cittadinanza e poi ancora il 15 luglio, alle 19 in Piazza Ordelaffi a Forlì, manifestazione di fronte alla Prefettura.

Ed ancora la nota: "Sabato mattina scendiamo in piazza e torniamo a chiedere con assoluta fermezza e determinazione che la Prefettura e la Questura forniscano risposte per iscritto ogniqualvolta, in via interpretativa, affrontando una singola pratica, si discostino dal dettato normativo o forniscano comunque una interpretazione opinabile, in modo tale da consentire al richiedente, come previsto, ricorso tramite legale; che Prefettura e Questura diffondano per iscritto le linee guida interpretative del dettato normativo da loro sposate, che facciano conoscere le proprie prassi e l’ambito delle proprie competenze, come da loro interpretato, così da consentire una interlocuzione con l’utente e una possibilità, in caso di dissenso, di ricorso, anche gerarchico, tramite assistenza legale; che l’Ufficio Immigrazione della Questura apra un canale di comunicazione diretto e veloce, in quanto al momento è impossibile ricevere alcuna risposta, per telefono, per email o tramite Pec; che la Prefettura e la Questura seguano e rendano conoscibili delle linee guida interpretative del decreto legge sulla regolarizzazione coerenti con la ratio di tale disposto normativo, rendendo note tali linee interpretative, in modo chiaro e comprensibile, a tutti i soggetti coinvolti nelle pratiche della sanatoria del territorio (patronati, sindacati, sportelli informativi, uffici postali, associazioni di categoria)".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento