Sanatoria, nuova manifestazione per i migranti: "Questura e Prefettura applichino la norma"

"Chiediamo con assoluta fermezza e determinazione che la Prefettura e la Questura forniscano risposte per iscritto ogniqualvolta, in via interpretativa, affrontando una singola pratica, si discostino dal dettato normativo"

Secondo presidio indetto da Forlì Città Aperta, Black Lives Matter Forlì e Romagna Migrante di Cesena: l’appuntamento è per la mattina di sabato alle ore 11 in Piazza Ordelaffi a Forlì, di fronte alla Prefettura. La protesta riguarda l'applicazione dei provvedimenti di sanatoria per i migranti, approvati come misure di urgenza nel periodo dell'epidemia di Covid. "Mercoledì siamo già scesi in piazza numerosi per far sentire la nostra voce contro una sanatoria poco coraggiosa e discriminatoria e per denunciare il comportamento a nostro parere poco collaborativo della Questura e Prefettura di Forlì: continueremo a fare sentire la nostra voce fino a che non otterremo chiarezza, condivisione delle procedure e dialogo collaborativo", spiega una nota che presenta il secondo evento. 

Altre iniziative si terranno il 3 luglio, alle 80 in Piazzetta della Misura a Forlì con un'assemblea pubblica aperta alla cittadinanza e poi ancora il 15 luglio, alle 19 in Piazza Ordelaffi a Forlì, manifestazione di fronte alla Prefettura.

Ed ancora la nota: "Sabato mattina scendiamo in piazza e torniamo a chiedere con assoluta fermezza e determinazione che la Prefettura e la Questura forniscano risposte per iscritto ogniqualvolta, in via interpretativa, affrontando una singola pratica, si discostino dal dettato normativo o forniscano comunque una interpretazione opinabile, in modo tale da consentire al richiedente, come previsto, ricorso tramite legale; che Prefettura e Questura diffondano per iscritto le linee guida interpretative del dettato normativo da loro sposate, che facciano conoscere le proprie prassi e l’ambito delle proprie competenze, come da loro interpretato, così da consentire una interlocuzione con l’utente e una possibilità, in caso di dissenso, di ricorso, anche gerarchico, tramite assistenza legale; che l’Ufficio Immigrazione della Questura apra un canale di comunicazione diretto e veloce, in quanto al momento è impossibile ricevere alcuna risposta, per telefono, per email o tramite Pec; che la Prefettura e la Questura seguano e rendano conoscibili delle linee guida interpretative del decreto legge sulla regolarizzazione coerenti con la ratio di tale disposto normativo, rendendo note tali linee interpretative, in modo chiaro e comprensibile, a tutti i soggetti coinvolti nelle pratiche della sanatoria del territorio (patronati, sindacati, sportelli informativi, uffici postali, associazioni di categoria)".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento