menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità, l'ospedale di Forlimpopoli fa 'risparmiare' l'Ausl

I consiglieri provinciali Gian Luca Zanoni, Valerio Roccalbegni, Stefano Gagliardi e Mauro Lontani hanno inoltrato un’interrogazione in Consiglio Provinciale sul riassetto dei servizi dell’Ausl.

I consiglieri provinciali Gian Luca Zanoni (capogruppo Lega Nord), Valerio Roccalbegni (PdL), Stefano Gagliardi (capogruppo PdL) e Mauro Lontani (Lega Nord) hanno inoltrato un’interrogazione in Consiglio Provinciale sul riassetto dei servizi dell’Ausl. Per il presidio di Forlimpopoli, in particolare, i quattro consiglieri evidenziano che “il Piano Attuativo Locale presentato in Commissione Consigliare predispone un forte riassetto, in particolare la trasformazione del Punto di primo intervento attraverso l’attuazione in fasi che prevedono il coinvolgimento dei medici di medicina generale nella attività

inoltre prevede l’attivazione di un’area di degenza con 28 posti letto rivolti a pazienti in fase post-acuta, con la presenza di medici ospedalieri e il graduale coinvolgimento di medici di medicina generale”. Per il presidio di Modigliana, sempre secondo i quattro consiglieri, “il piano previsto non conferma il mantenimento dei posti letto esistenti, si menziona una risposta alle eventuali esigenze e una sinergia con la casa protetta, con il conseguente rischio di perdere gli attuali operatori”. Inoltre “nella commissione competente non sono state fornite le doverose risposte alle interrogazioni dei consiglieri, né è stato presentato il piano economico con il dettaglio dei risparmi dovuti alla ristrutturazione messa in atto”. La richiesta, quindi, è di sapere “se è stato redatto un piano economico”.

Risponde il vice-presidente Guglielmo Russo: “Una cosa è il piano di rientro dell’Ausl e un altro è il Pal. C’è un dato da sottolineare: il piano di rientro del debito dell’Ausl pone l’obiettivo di recuperare 20 milioni di euro in 4 anni. Attualmente nel 2009-2011 sono state recuperati 11,3 milioni di euro. Altra cosa, invece, è il Pal: a regime questa programmazione potrebbe determinare un risparmio di 2,5 milioni di euro. Dentro questa cifra ci sono i possibili risparmi derivanti dall’ospedale di Forlimpopoli”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento